venerdì 25 settembre 2020

Collana "Zagor, Lo Spirito con la Scure", vol. 40: L'ululato

Collana "Zagor, Lo Spirito con la Scure", vol. 40: L'ululato

Quando scienza, superstizione e antica magia diventano un tutt'uno, il terrore ha inizio...

Data di uscita: 25 settembre 2020
Pagine: 160
Figurine in allegato: 6, 33, 120, 128
Prezzo di copertina: 6,99 euro

In questo numero:
- Il mio Zagor. Zagor in giallo (di Moreno Burattini)
- L'elicottero di Icaro (1974). Testo di Guido Nolitta, disegni e copertina di Gallieno Ferri
- Belve! (1969). Testo di Guido Nolitta, disegni di Franco Donatelli
- Il mondo di Zagor. René Robert Cavelier de La Salle - prima parte
- Dagli archivi Bonelli

martedì 22 settembre 2020

Maxi Zagor n. 40: Sezione Omega

Maxi Zagor n. 40: Sezione Omega

Data di uscita: 22 settembre 2020
Pagine: 292
Soggetto e sceneggiatura: Antonio Zamberletti
Disegni: Gianni Sedioli
Copertina: Alessandro Piccinelli
Prezzo di copertina: 7,90 euro

Adottato da una famiglia di Baltimora, Christopher sembra aver perso i suoi misteriosi poteri. Ha però sogni e incubi ricorrenti, forse ricordi di un passato dimenticato che sta tornando lentamente a galla. Per fare luce su tutto ciò, decide di fuggire per raggiungere una cittadina il cui nome compare in maniera ossessiva nei suoi sogni: White Church. Nel viaggio, avventuroso e ricco di insidie, Christopher vedrà ricomparire poco alla volta i suoi poteri, grazie ai quali potrà conoscere il suo sconvolgente passato e svelare un segreto che cambierà la sua vita e quella di molte altre persone. Sulle sue tracce si lancia una banda di misteriosi e agguerriti nemici intenzionati a farlo tacere per sempre. Zagor li dovrà affrontare per salvare Christopher e scoprire le oscure trame tessute da una potente organizzazione segreta, la Sezione Omega.

lunedì 21 settembre 2020

Intolleranza e fascismo: a lezione da Umberto Eco

Lo scorso 15 e 16 settembre, Repubblica ha regalato ai suoi lettori due ottimi opuscoli con vari discorsi e scritti di Umbero Eco, scomparso ad inizio 2016. I due libricini (Il fascismo eterno e Migrazioni e intolleranza) analizzano proprio le migrazioni, l'intolleranza, il fondamentalismo ed il fascismo, fenomeni che il semiologo studiava ed osservava già prima che tornassero in auge.
Nel 1995, terminando un suo discorso alla Columbia University di New York, Eco fece questa previsione: "nel nostro tempo in cui i vecchi proletari stanno diventando piccola borghesia il fascismo troverà in questa nuova maggioranza il suo uditorio". Da allora son passati 25 anni... ed Eco ha azzeccato la sua previsione!

domenica 20 settembre 2020

La classifica dei libri più venduti (di domenica 20 settembre 2020)

Questi i libri più venduti della settimana (fonte: "La Lettura", supplemento del Corriere della Sera di domenica 20 settembre 2020):

1. (9) Gianrico Carofiglio: Della gentilezza e del coraggio
2. (=) Carlo Rovelli: Helgoland
3. (=) Valérie Perrin: Cambiare l'acqua ai fiori
4. (n) Angela Marsons: Il primo cadavere
5. (4) Andrea Camilleri: Riccardino
6. (5) Joël Dicker: L'enigma della camera 622
7. (6) Ferzan Ozpetek: Come un respiro
8. (=) Daniela Raimondi: La casa sull'argine
9. (7) Sandro Veronesi: Il colibrì
10. (1) Diego Lazzari, Tancredi Galli, Gianmarco Rottaro ed Emanuele Giaccari: Fratelli per caso. Il libro dei Q4

sabato 19 settembre 2020

Collana "Zagor, Lo Spirito con la Scure", vol. 39: Terre bruciate

Collana "Zagor, Lo Spirito con la Scure", vol. 39: Terre bruciate

Per raggiungere Cathedral Peak, il gruppo guidato da Zagor dovrà affrontare mille pericoli...

Data di uscita: 18 settembre 2020
Pagine: 160
Figurine in allegato: 49, 99, 108, 115
Prezzo di copertina: 6,99 euro

In questo numero:
- Il mio Zagor. Quelle origini che a Guido Nolitta... (di Fabio Licari)
- Terre bruciate (1974). Testo di Guido Nolitta, disegni e copertina di Gallieno Ferri
- Il mondo di Zagor. Hendry Hudson
- Dagli archivi Bonelli

mercoledì 16 settembre 2020

"Fu sera e fu mattina": è uscito il nuovo libro di Ken Follett

È uscito ieri Fu sera e fu mattina, il nuovo bestseller di Ken Follett, prequel della trilogia di Kingsbridge. Si tratta, per farla breve, di un viaggio tra avventura, ambizione ed amore che termina allacciandosi direttamente a I pilastri della terra, il primo volume della trilogia.
Queste le parole di Ken Follet per presentare la sua ultima fatica letteraria: "Comprendere la storia è capire il nostro tempo. L'anno 1000 è la data simbolo della fine dell'età delle tenebre e l'inizio del Medioevo vero e proprio; quindi un arco temporale che si colloca, di fatto, tra uno spartiacque, tra una sera e una mattina".
La trilogia di Kingsbridge (ma da adesso sarà bene parlare di tetralogia) è formata dai libri: I pilastri della Terra (1989); Mondo senza fine (2007); La colonna di fuoco (2017).

La scheda di "Fu sera e fu mattina"
- Formato: copertina rigida
- Pagine: 792
- Editore: Mondadori (15 settembre 2020)
- ISBN-1 : 978-8804722120
- Prezzi di copertina (su Amazon): 25,65 euro la versione cartacea e 16,99 euro la versione Kindle
- Sinossi: 17 giugno 997. Non è ancora l'alba quando a Combe, sulla costa sudoccidentale dell'Inghilterra, il giovane costruttore di barche Edgar si prepara con trepidazione a fuggire di nascosto con la donna che ama. Ma i suoi piani vengono spazzati via in un attimo da una feroce incursione dei vichinghi, che mettono a ferro e fuoco la sua cittadina, distruggendo ogni cosa e uccidendo chiunque capiti loro a tiro. Edgar sarà costretto a partire con la sua famiglia per ricominciare tutto da capo nel piccolo e desolato villaggio di Dreng's Ferry. Dall'altra parte della Manica, in terra normanna, la giovane contessa Ragna, indipendente e fiera, si innamora perdutamente del nobile inglese Wilwulf e decide impulsivamente di sposarlo e seguirlo nella sua terra, contro il parere di suo padre, il conte Hubert di Cherbourg. Si accorgerà presto che lo stile di vita al quale era abituata in Normandia è ben diverso da quello degli inglesi, la cui società arretrata vive sotto continue minacce di violenza e dove Ragna si ritroverà al centro di una brutale lotta per il potere. In questo contesto, il sogno di Aldred, un monaco colto e idealista, di trasformare la sua umile abbazia in un centro di erudizione e insegnamento entra in aperto conflitto con le mire di Wynstan, un vescovo abile e spietato pronto a tutto pur di aumentare le sue ricchezze e il suo potere. Le vite di questi quattro personaggi si intersecano, in un succedersi di continui colpi di scena, negli anni più bui e turbolenti del Medioevo che termina dove "I pilastri della terra" hanno inizio.

domenica 13 settembre 2020

La classifica dei libri più venduti (di domenica 13 settembre 2020)

Questi i libri più venduti della settimana (fonte: "La Lettura", supplemento del Corriere della Sera di domenica 13 settembre 2020):

1. (n) Diego Lazzari, Tancredi Galli, Gianmarco Rottaro ed Emanuele Giaccari: Fratelli per caso. Il libro dei Q4
2. (n) Carlo Rovelli: Helgoland
3. (1) Valérie Perrin: Cambiare l'acqua ai fiori
4. (2) Andrea Camilleri: Riccardino
5. (3) Joël Dicker: L'enigma della camera 622
6. (5) Ferzan Ozpetek: Come un respiro
7. (4) Sandro Veronesi: Il colibrì
8. (6) Daniela Raimondi: La casa sull'argine
9. (n) Gianrico Carofiglio: Della gentilezza e del coraggio
10. (7) Stefania Auci: I leoni di Sicilia

sabato 12 settembre 2020

Zagor: due uscite in edicola

----- Collana "Zagor, Lo Spirito con la Scure", vol. 38: I due rivali
Simon e Bobby, due cugini rivali: a chi andrà la ricca eredità di "Master" Murchisson?
Data di uscita: 11 settembre 2020
Pagine: 160
Figurine in allegato: 22, 85, 107, 150
Prezzo di copertina: 6,99 euro
In questo numero:
- Il mio Zagor. Hic sunt leones (di Moreno Burattini)
- I due rivali (1974). Testo di Guido Nolitta, disegni e copertina di Gallieno Ferri
- Il mondo di Zagor. Samuel De Champlain - terza parte
- Dagli archivi Bonelli

----- Zagor Classic, albo n. 19: Il cervo sacro
Sconfitto Hellingen, Zagor e Cico, sulla strada del ritorno a Darkwood, incappano in una locanda gestita da due pericolosi individui contro i quali i nostri dovranno ricorrere a ogni astuzia nella speranza di uscirne vivi. Tornati a casa, i due si troveranno ad affrontare una spietata setta di irochesi intenzionati a uccidere tutti i membri di una spedizione esplorativa e chiunque tenti di proteggerli...
Data di uscita: 12 setembre 2020
Pagine: 84
Soggetto e sceneggiatura: Guodo Nolitta
Disegni: Gallieno Ferri ed Enzo e Antonio Chiomenti
Colori: GFB Comics
Copertina: Gallieno Ferri
Prezzo di copertina: 3,50 euro

venerdì 11 settembre 2020

Le copertine degli albi di Zagor del 1988 e 1989

----- Zagor, albo n. 270: La bocca del drago -----
Data di uscita: gennaio 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Il leggendario Vello d'Oro esiste e si trova nelle Misty Mountains! Così afferma il professor Stanislaw Shimkoziewic, basandosi su documenti che attestano che il racconto degli Argonauti è in parte vero. Ad accompagnare il professore nel suo viaggio verso le Misty Mountains ci sono Digging Bill, eternamente in caccia di tesori perduti, nonché Zagor e Cico. Ma a contrastare il loro cammino compare una incredibile tribù di donne volanti: le Arpie!

----- Zagor, albo n. 271: La voce che uccide -----
Data di uscita: febbraio 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli e Marco Torricelli
Copertina: Gallieno Ferri
A custodire il Vello D'Oro sono i Tungul, un popolo in tutto e per tutto simile ai mongoli. Ma impossessarsi del leggendario reperto è impossibile, perché nessuno riesce a resistere a una strana voce che penetra nelle mente e spinge alla morte! In questo numero: a pag. 78 si conclude l'avventura precedente (di Toninelli e Donatelli); da pag. 79, "Darkwood Monitor" (di Toninelli e Torricelli).

----- Zagor, albo n. 272: Yeti! -----
Data di uscita: marzo 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Marco Torricelli
Copertina: Gallieno Ferri
Ramath il fachiro invia un messaggio telepatico a Cico, mentre questi si trova in stato di incoscienza: il fachiro è ferito, nelle vicinanze delle Montagne Lucenti, e chiede disperatamente aiuto. Zagor e il pard si mettono in viaggio e, lungo il cammino, sono ospitati da un amichevole trapper. Ma, nottetempo, accompagnata dall'arcano suono di un flauto, nella capanna in cui riposano appare una creatura enorme e mostruosa...

----- Zagor, albo n. 273: I sette poteri -----
Data di uscita: aprile 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Marco Torricelli e Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Krinhar, un malvagio monaco tibetano che era stato in precedenza sconfitto dal maestro di Ramath, Shu-Tze, si è trasferito (con uno Yeti hymalaiano, che ha piegato ai suoi voleri) sulle Montagne Lucenti, dove cerca di decifrare una misteriosa iscrizione: se ci riuscirà, otterrà i Sette Poteri e diventerà potente come un dio! In questo numero: a pag. 77 si conclude l'avventura precedente (di Toninelli e Torricelli); da pag. 77, "Caccia all'uomo" (di Toninelli e Donatelli).

----- Zagor, albo n. 274: Il Bounty Killer -----
Data di uscita: maggio 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Una vecchia conoscenza di Zagor, il meticcio Shamrock, ha lasciato la fattoria del padre per diventare un cacciatore di taglie. E così, quando lo Spirito con la Scure viene incolpato di un delitto che non ha commesso, anche Shamrock si getta al suo inseguimento.

----- Zagor, albo n. 275: Incubi -----
Data di uscita: giugno 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli e Tiziano Sclavi
Disegni: Franco Donatelli e Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor è vittima di paurosi incubi. Un cerbiatto gli parla (rivelandogli che qualcuno che gli ha rivolto "un silenzioso addio" sta per tornare), e si tramuta in mostro di fronte a lui. Il fuoco prende vita e tenta di ucciderlo. La sua mente vacilla? O queste terrificanti visioni nascondono un fondo di verità? In questo numero: a pag. 55 si conclude l'avventura precedente (di Toninelli e Donatelli); da pag. 56, "Incubi" (di Sclavi e Ferri).

----- Speciale Zagor, albo n. 1: Zagor alla riscossa! -----
Data di uscita: giugno 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Volumetto in allegato: I trapper (a cura di Stefano Marzorati)
Un misterioso criminale, conosciuto dai suoi uomini come "Faccia di Cuoio", a causa della maschera che gli copre metà del viso, sta facendo rapire alcuni dei migliori amici di Zagor. Tobia Sullivan (padre di Orazio e Romeo) e Guitar Jim cadono nelle sue grinfie. Ma lo Spirito con la Scure, grazie all'aiuto dei due Sullivan rimasti e del cherokee Satko riuscirà a mandare in fumo il piano del suo avversario, svelandone l'insospettabile identità...

----- Zagor, albo n. 276: Il demone della follia -----
Data di uscita: luglio 1988
Soggetto e sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Il Monte Naatani. È qui che vive Akoto, l'ultimo dei custodi delle armi di Rakum, l'Eroe Rosso, e l'unico in grado di guarire Zagor da Ah-Eh-Nai, il Demone della Follia, che si è impadronito di lui. Ma, per riuscirci, Akoto dovrà mandare il Re di Darkwood in un mondo da incubo, nei labirinti della sua mente...

----- Zagor, albo n. 277: Titan risorge! -----
>Data di uscita: agosto 1988
Soggetto e sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
UFO: Ultra Flying Object. Così si chiama la nuova, strepitosa macchina (in tutto e per tutto simile a un disco volante!) realizzata dal barone Icaro la Plume. I suoi primi passeggeri sono Zagor e Cico, che devono assolutamente raggiungere il lago Erie prima che Perry, apparentemente impazzito, riesca a riattivare Titan, il mostro d'acciaio creato dal professor Hellingen.

----- Zagor, albo n. 278: Il ritorno di Hellingen -----
Data di uscita: settembre 1988
Soggetto e sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Zagor si aggrappa a Titan, che lo porta fino alla foresta di Darkwood, lasciandosi dietro una scia di distruzione. Il gigantesco automa distrugge la cabina nella quale era sparito Hellingen, ma viene a sua volta distrutto, la Luna esplode e poi si ricompone: è una notte di prodigi. E, infatti, potente, pressoché invincibile, a un attonito Zagor appare il professor Hellingen...

----- Zagor, albo n. 279: Ai confini della realtà -----
Data di uscita: ottobre 1988
Soggetto e sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Hellingen racconta a Zagor e ad Akoto la sua incredibile vicenda. Risvegliatosi su una enorme astronave, ha incontrato un misterioso ragazzo indiano di nome Kiki. Con questa astronave è tornato sulla Terra. Ma Perry e i suoi uomini lo uccidono. L'incubo è finito? Neanche per sogno: un mese dopo, Tonka viene ucciso da Shalak, che diventa il nuovo capo dei Mohawk e ammazza Zagor in combattimento...

----- Zagor, albo n. 280: La fine del mondo -----
Data di uscita: novembre 1988
Soggetto e sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Cosa sta succedendo al mondo di Zagor? Lo stregone Makuaty riporta in vita lo Spirito con la Scure, ma viene ucciso dagli uomini di Shalak: Cico, Perry e Icaro La Plume lo abbandonano. Ed Hellingen è veramente morto? L'unico che sa la verità è Kiki, lo strano ragazzino indiano. Ed è una verità sconvolgente...

----- Zagor, albo n. 281: Il tesoro della città fantasma -----
Data di uscita: dicembre 1988
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Tre banditi, Jess, Ogden e il Guercio, evadono dal carcere di Sun Valley. Jess vuole attraversare il deserto per raggiungere la ghost town in cui ha nascosto il bottino della rapina che avevano compiuto prima di essere arrestati, ma il Guercio (l'unico che conosce la zona) muore nell'evasione. Per loro fortuna, i criminali trovano Zagor e lo costringono a far loro da guida: ma perché lo Spirito con la Scure è così insolitamente arrendevole?
----- Zagor, albo n. 282: Jess lo spietato -----
Data di uscita: gennaio 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli e Michele Pepe
Copertina: Gallieno Ferri
Braccati dai cacciatori di taglie, Zagor, Cico e i due evasi devono attraversare un infuocato deserto per raggiungere la sperduta ghost-town in cui Jess ha nascosto il bottino di una rapina compiuta in passato. L'unico ad arrivare è però quest'ultimo, che lascia Zagor e Cico a morire nel deserto. Ma non è così facile uccidere lo Spirito con la Scure... In questo numero: a pag. 56, si conclude l'avventura precedente (di Toninelli e Donatelli); da pag. 57, "La belva di Wallock" (di Toninelli e Pepe).
----- Zagor, albo n. 283: La maledizione di Tonka -----
Data di uscita: febbraio 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Michele Pepe
Copertina: Gallieno Ferri
Uno spirito del male si è impossessato di Tonka. Ferito dalla mostruosa belva di Wallock, spinta a lasciare le terre in cui viveva da un incendio, il capo dei Mohawk si trasforma in un'orripilante creatura assetata di sangue e poi torna umano. Ma gli intervalli tra una trasformazione e l'altra sono sempre più brevi: tra poco, la mutazione sarà irreversibile...
--- Zagor, albo n. 284: Il vecchio della montagna -----
Data di uscita: marzo 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Michele Pepe/Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Hogal l'eremita è l'unico che può liberare Tonka dalla maledizione di Kohron che lo ha colpito. Zagor si mette in marcia con il capo dei Mohawk ma il viaggio verso il picco nebbioso dove vive Hogal è lungo e faticoso: forse non c'è più speranza per Tonka... In questo numero: a pag. 84, si conclude l'avventura precedente (di Toninelli e Pepe); da pag. 85, "Il ragazzo rapito" (di Toninelli e DonatellI).
----- Zagor, albo n. 285: L'ultimatum -----
Data di uscita: aprile 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Cinque giorni. Questo è il limite massimo di tempo concesso a Zagor per ritrovare Tee-Lah, il giovane figlio di Ugashar, sakem dei Penobscot; altrimenti, scoppierà una guerra indiana. I Penobscot sospettano che i responsabili del rapimento siano i Quapaw, loro nemici storici, ma lo Spirito con la Scure è di diverso avviso...

----- Zagor, albo n. 286: Guerra indiana -----
Data di uscita: maggio 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Nella foresta, avvengono misteriosi attentati, a spese dei trapper e dei Cheraw di Tishar: il rapimento di Tee-Lah è stato soltanto l'inizio di una catena di delitti e di aggressioni. Qualcuno vuole infrangere la pace di Darkwood, distruggendo il regno dello Spirito con la Scure. E si tratta di un suo vecchio nemico...

----- Zagor, albo n. 287: La vittima designata
Data di uscita: giugno 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Michele Pepe
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor e Cico partecipano al grande raduno delle sette tribù Cheyenne, che si tiene ogni vent'anni. Lo Spirito con la Scure subisce, però, un attentato: alcuni guerrieri, che indossano strane maschere lignee, tentano di ucciderlo. Appartengono al Clan delle Facce di Legno, una società segreta che vuole liberarsi di Zagor.

----- Speciale Zagor, albo n. 2: La pietra che uccide -----
Data di uscita: giugno 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Volumetto allegato: I tesori perduti (a cura di Mauro Boselli)
È venuta da lontano, da molto lontano... È caduta sui Monti Perduti e gli indiani Wuwucam la considerano una divinità. È "la Pietra che Uccide": quando sorge il Sole emette delle radiazioni mortali. Ma è anche un gigantesco diamante, che scatena la cupidigia di molti. Tra questi c'è Digging Bill, sempre alla caccia di nuovi tesori. E come sempre Zagor dovrà salvare la vita all'amico, difendendolo da meteoriti aliene e criminali terrestri.

----- Zagor, albo n. 288: La missione abbandonata -----
Data di uscita: luglio 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Michele Pepe
Copertina: Gallieno Ferri
Molti e insospettabili sono i membri del Clan delle Facce di Legno. Zagor però, riesce a scoprire i piani della setta, rapendo uno di loro e facendogli credere di essere sprofondato negli inferi. Ma il clan tende una trappola a Cico e, usandolo come esca, riesce a catturare lo Spirito con la Scure.

----- Zagor, albo n. 289: La collina sacra -----
Data di uscita: agosto 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli ed Ade Capone
Disegni: Michele Pepe e Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri
Lo stregone Tei-Kan della tribù dei Corvi manda a chiamare Zagor: una truppa di militari, comandati dal capitano Roger Flint, che odia gli indiani, hanno costruito un forte su una collina dove si trova una Ruota della Medicina. Un magico cerchio di pietre al cui interno è imprigionata una mostruosa creatura... In questo numero: a pag. 14 si conclude l'avventura precedente (di Toninelli e Pepe); da pag. 15 "La collina sacra" (di Capone e Ferri).

----- Zagor, albo n. 290: Tenebre -----
Data di uscita: settembre 1989
Soggetto e sceneggiatura: Ade Capone
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Il cerchio di pietre è stato spezzato e l'orrore è tornato a manifestarsi, mediante un essere mostruoso che assume facce sempre diverse. Da dove proviene? E, soprattutto, chi è, in realtà? Zagor lo scopre durante una misteriosa cerimonia alla quale lo sottopone Tei-Kan, e nella quale rivivrà i momenti più drammatici del suo passato...

----- Zagor, albo n. 291: I mille volti della paura -----
Data di uscita: ottobre 1989
Soggetto e sceneggiatura: Ade Capone e Marcello Toninelli
Disegni: Gallieno Ferri e Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
È venuto dallo spazio, l'essere che terrorizza i Corvi. Gli Antichi lo hanno combattuto e rinchiuso nel cerchio di pietre, ma, grazie ai soldati di Flint, la mostruosa creatura è tornata. E appare, di volta in volta, sotto un diverso aspetto, a seconda di chi la guarda... In questo numero: a pag. 86 si conclude l'avventura precedente (di Capone e Ferri); a pag. 98 "La sfida" (di Toninelli e Donatelli).

----- Zagor, albo n. 292: Le creature delle acque morte -----
Data di uscita: novembre 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor è al villaggio dei Seneca, dove il suo grande amico Volpe Macchiata sta per sposare Ala del Tramonto. Ma la ragazza sparisce in acqua. Chi l'ha uccisa? Il Re di Darkwood indaga e scopre che il responsabile è una mostruosa creatura anfibia.

----- Zagor albo n. 293: L'avamposto dei mostri -----
Data di uscita: dicembre 1989
Soggetto e sceneggiatura: Marcello Toninelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Sulla Mosquito Island, sorge un avamposto militare, con un gigantesco laboratorio all'interno. È qui che nascono gli esseri anfibi, frutto di un esperimento militare, il Progetto Uomini Rana, creato da una vecchia conoscenza di Zagor: il professor Adolfo Verybad...

lunedì 7 settembre 2020

[RECENSIONE] Clean. Tabula rasa

Clean. Tabula rasa
di: Glenn Cooper

Formato: Kindle (967 KB)
Pagine: 456
Editore: Casa Editrice Nord (9 luglio 2020)
ASIN: B088KQTMSJ
Data di acquisto: prenotazione del 9 luglio 2020
Letto dall'1 al 7 settembre 2020

----- Sinossi -----
Il traguardo di una vita. Finalmente il dottor Steadman può affermare di aver curato l'incurabile: l'Alzheimer. E ora che passerà alla storia, poco importa se, per ottenere quel risultato, ha deciso di correre un rischio enorme...
Una catastrofe globale. Nel giro di pochi giorni, miliardi di persone in tutto il mondo perdono la memoria a causa di un virus sconosciuto e altamente infettivo. Senza più nessun ricordo, uomini e donne agiscono solo in base all'istinto di sopravvivenza, spinti dalla fame e dalla paura. Le città sono al collasso, non ci sono più elettricità, acqua corrente, rifornimenti di cibo. I pochi immuni dal contagio si rifugiano in casa e pregano nel miracolo. Eppure c'è chi pensa che il miracolo sia già avvenuto: senza polizia e tribunali, è in vigore un'unica legge, quella del più forte...
L'ultima speranza. Il dottor Jamie Abbott sa di poter rimediare all'errore di Steadman, fermare l'epidemia e, così, guarire la sua stessa figlia. Ma per riuscirci ha bisogno dell'aiuto di Mandy Alexander, una sua amica e collega che vive a Indianapolis. Da Boston, è un viaggio di millequattrocento chilometri attraverso un Paese allo sbando, in cui il pericolo si annida ovunque. Jamie può solo sperare che ci sia ancora qualcuno là fuori che si ricordi cosa ci rende umani. Perché quando tutte le certezze crollano e la memoria evapora, è necessario unire le forze e agire, prima che la nostra civiltà diventi una tabula rasa...

----- L'incipit del libro -----
Sembrava un animale che sbatteva contro le sbarre di una gabbia. La donna aveva le mani fragili e percorse da vene bluastre, strette intorno alle sponde del letto da ospedale, e cercava di piegarle con tutta la forza del suo corpo emaciato. Quel frastuono risalì il corridoio vuoto e giunse fino alla stanza delle infermiere.
«Eccola che ci riprova», disse l'infermiera più giovane.
La caposala non alzò nemmeno gli occhi dal foglio.
«È sicura che non possiamo immobilizzarla?» chiese la ragazza.
«C'è solo lei in tutto il reparto. A chi vuoi che dia fastidio?»
«A me?»
La caposala le disse che, se la irritava tanto, poteva sempre telefonare al dottor Steadman e chiedergli il permesso.
«Non lo chiamo di certo per una cosa così», rispose lei, scandalizzata. «Non posso sentire il medico di turno?»
«No, di lei si occupa solo Steadman.»
«Be’, lui, non lo chiamo.»
«Come vuoi.»
E poi cominciarono le grida, acutissime.

----- La mia recensione -----
"Si chiedevano se gli ospedali dovessero rimanere aperti, se fosse il caso di consigliare al pubblico di rimanere a casa, di chiudere scuole e asili, di distribuire mascherine chirurgiche".
Visto il periodo di forte emergenza sanitaria che stiamo attraversando, questo romanzo capita proprio a puntino.
Glenn Cooper, non mi stancherò mai di ripeterlo, è uno dei miei autori preferiti... e questo suo ennesimo lavoro dimostra ampiamente il perché. Cercando una cura per l'Alzheimer uno sprovveduto professore di fama mondiale ottiene l'effetto contrario... e, su scala globale, si scatena un micidiale virus che cancella la memoria delle persone contagiate, riportandole ad uno stadio quasi "animalesco" e, quindi, scatenando anche l'istinto di sopravvivenza e la legge del più forte (per fame e per necessità).
Si parte subito in quarta e, tra una vicenda e l'altra patite dal protagonista, il neurologo dottor Jamie Abbott, ti ritrovi costantemente a cercare di capire come si sviluppa la trama e, soprattutto, come lo sfortunato dottore riuscirà ad uscire dalle situazioni più difficili.
Certo, lo riconosco: alcuni parti del libro sono un po' tirate e portate all'esasperazione o all'assurdo (come, per esempio, tutto ciò che accade nel ranch della famiglia Edison). Però, come ho detto all'inizio, la trama è molto avvincente e non lascia un attimo di respiro. Finale leggermente frettoloso ma, a pensarci bene, era l'unico possibile.
Null'altro da aggiungere: è un buon libro e lo consiglio... anche perché, apre importanti ed interessanti spunti di riflessione sulla situazione attuale.
- Voto: (4 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho evidenziato

----------
I libri di Glenn Cooper che ho letto e recensito:
- Il sigillo del cielo. Le avventure di Cal Donovan, vol. 4 (14 luglio 201)
- I figli di Dio. Le avventure di Cal Donovan, vol. 3 (1 luglio 2018)
- Il debito. Le avventure di Cal Donovan, vol. 2 (22 novembre 2017)
- Il segno della croce. Le avventure di Cal Donovan, vol. 1 (13 novembre 2016)
- L'invasione delle tenebre (Dannati, vol. 3) (23 novembre 2015)
- La porta delle tenebre (Dannati, vol. 2) (25 giugno 2015)
- Dannati (Dannati, vol. 1) (19 ottobre 2014)
- Il calice della vita (16 febbraio 2014)
- Il tempo della verità (25 ottobre 2013)
- I custodi della Biblioteca (25 dicembre 2012)
Letti ma non recensiti: La mappa del destino; L'ultimo giorno; La Biblioteca dei morti; Il marchio del diavolo; Il libro delle anime