lunedì 2 marzo 2015

Sopravvissuta ad Auschwitz - La vera e drammatica storia della sorella di Anne Frank

Sopravvissuta ad Auschwitz - La vera e drammatica storia della sorella di Anne Frank
di: Eva Schloss

Formato: Kindle
Dimensioni file: 3368 KB
Pagine: 292
Editore: Newton Compton Editori (3 settembre 2013)
ASIN: B00EYPA4AI
Acquistato il: 10 marzo 2014
Letto dal 24 febbraio al 2 marzo 2015

Sinossi: L'incredibile testimonianza della sorella di Anne Frank. Una storia che inizia dove drammaticamente il Diario di Anne Frank finisce. Nel giorno del suo quindicesimo compleanno, Eva viene arrestata dai nazisti ad Amsterdam e deportata ad Auschwitz. La sua sopravvivenza dipende solo dal caso, e in parte dalla ferrea determinazione della madre Fritzi, che lotterà con tutte le sue forze per salvare la figlia. Quando finalmente il campo di concentramento viene liberato dall'Armata Rossa, Eva inizia il lungo cammino per tornare a casa insieme alla madre, e intraprende anche la disperata ricerca del padre e del fratello. Purtroppo i due uomini sono morti, come le donne scopriranno tragicamente a mesi di distanza. Ad Amsterdam, però, Eva aveva lasciato anche i suoi amici, fra cui una ragazzina dai capelli neri con cui era solita giocare: Anne Frank. I loro destini, seppur diversissimi, sembrano incrociarsi idealmente ancora una volta: nel 1953 Fritzi, ormai vedova, sposerà Otto Frank, il padre di Anne. La testimonianza di Eva (scritta in collaborazione con Karen Bartlett) è dunque doppiamente sbalorditiva: per la sua esperienza personale di sopravvissuta all'Olocausto e per lo straordinario intreccio del destino, che l'ha unita indissolubilmente a quella ragazzina conosciuta molti anni prima.

La mia recensione: In copertina possiamo leggere che "questo libro inizia dove finisce il Diario di Anna Frank"... ed è proprio così, visto che questo lavoro, in pratica, non è altro che una impressionante documentazione in presa diretta degli orrori nazisti da parte di Eva Schloss, una sopravvissuta al campo di concentramento di Auschwitz e coetanea della più famosa Anna. Altro legame che unisce le due ragazzine è il fatto che, una volta scampati e tornati da Auschwitz, il padre di Anna sposa la madre di Eva. Soprattutto, però, assistiamo anche al ritorno alla vita della protagonista di questo lavoro e dei suoi sacrifici per reinserirsi nella vita (sia affettiva che lavorativa) di tutti i giorni. Ne consiglio assolutamente la lettura.
Voto: 5 su 5

Nessun commento:

Posta un commento