martedì 12 maggio 2015

Profezia

Profezia
di: Marco Buticchi

Formato: copertina cartonata
Pagine: 444
Editore: SuperPocket (su Licenza Longanesi)
ISBN: 8846201779
Data di acquisto: luglio 2001
Letto dall'8 al 12 maggio 2015

Sinossi: 13 ottobre 1307: in Francia, un feroce rastrellamento conduce in carcere, alla tortura e al rogo migliaia di uomini: sono i Templari, una casta di potentissimi monaci guerrieri. Quello stesso giorno, diciassette navi templari lasciano il porto di La Rochelle, sulla costa atlantica francese, e di esse non si saprà più nulla. Di quali segreti erano a conoscenza i Cavalieri del Tempio? Da dove avevano tratto la loro immensa ricchezza? 16 luglio 1918: a Ekaterinburg, in Russia, mentre le fiamme della rivoluzione bolscevica dilaniano il Paese, lo zar Nicola II, la zarina Alessandra, i loro cinque figli e altre persone del seguito vengono trucidati. Ma davvero la famiglia imperiale se n'è andata senza lasciare nulla? 13 maggio 1981: in piazza San Pietro, Giovanni Paolo II viene gravemente ferito da alcuni colpi di pistola sparati da un terrorista turco il cui ruolo non è mai stato del tutto chiarito. Quale oscuro legame unisce questi eventi storici, così diversi e lontani nel tempo? Estate 1999: la Queen of Atlantis, la più grande nave da crociera esistente, parte per un viaggio che la condurrà nei porti più celebri del mondo. A Venezia vi si imbarcano quattro amici americani; a essi si aggiungono Gerardo di Valnure, uno studioso di storia medievale che vanta illustri antenati fra i Templari, e Josif Drostin, il più potente mercante d'armi russo. Quali segreti nasconde la nave? Per dare una risposta a questa inquietante domanda interviene Oswald Breil, già capo del Mossad e ora vice ministro della Difesa israeliano, con l'aiuto della geniale scienziata Sara Terracini. Ma persino il potente Servizio di Tel Aviv ignora l'esistenza di una setta occulta i cui membri sono disposti all'estremo sacrificio pur di non tradire la loro causa: ricostruire un mondo nuovo sulle ceneri di quello che intendono distruggere. Proprio come avevano giurato di fare i Templari sopravvissuti al massacro...

La mia recensione: E' il terzo libro che leggo di Marco Buticchi (i precedenti sono stati Menorah e La voce del destino) e, mi spiace dirlo, questo è il peggiore dei tre. Anche se la trama è appassionante e splendidamente ben sviluppata (abbraccia un'arco di tempo che va dalla fondazione e distruzione dei Templari, alle vicende della famiglia dello zar Nicola II di Russia, sino ad arrivare agli ultimi anni del XX secolo) e il racconto mischia fatti reali e storicamente accertati con altri frutto della fantasia dello scrittore, quello che a mio avviso stona parecchio è che i due protagonisti (Oswald Breil e Sara Terracini) entrano in scena relativamente tardi e per giunta quasi sempre lontano dai luoghi in cui si svolge l'azione vera e propria, lasciando fare il lavoro sporco solo ai tanti personaggi secondari. Comunque, bisogna dare ampio merito a Buticchi per il lavoro svolto in fase di stesura del racconto, visto che si denota un'imponente lavoro di ricerca ed approfondimento di argomenti storici, geografici e navali.
Voto: 4 su 5

Nessun commento:

Posta un commento