martedì 17 maggio 2016

La ragazza del treno

La ragazza del treno
di: Paula Hawkins

Formato: Kindle
Dimensioni file: 699 KB
Pagine: 215
Editore: Edizioni Piemme (23 giugno 2015)
ASIN: B00XQJ74HO
Data di acquisto: 2 maggio 2016
Letto dal 14 al 17 maggio 2016

Sinossi: La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel? Nelle mani sapienti di Paula Hawkins, il lettore viene travolto da una serie di bugie, verità, colpi di scena e ribaltamenti della trama che rendono questo romanzo un thriller da leggere compulsivamente, con un finale ineguagliabile.

La mia recensione: Non ho proprio parole per descrivere un libro che non mi è piaciuto sin dalla prima pagina! Trama assurda che, detto papale papale, è più incasinata di una puntata di Beautiful: ci sono due coppie sposate (Tom e Anna, Scott e Megan) e due single (la protagonista Rackel e lo psichiatra Kamal). Ora, se vi riesce, seguitemi aiutandovi anche con questo schema che ho preparato:


Rackel è l'ex moglie (tradita) di Tom, ora sposato con Anna che, a sua volta, viene tradita con la sua vicina di casa Megan... che, nel frattempo, ha una relazione con Kamal. Megan, ad un certo punto della storia, sparisce e viene ritrovata cadavere... e tutti sospettano di tutti! Ma il marito della morta che cosa fa? Si consola subito subito con Rackel che, contemporaneamente, ci prova anche con Kamal! Mamma mia che porcata di racconto!!! Già, ma in tutta questa baraonda, chi e perché ha ucciso Megan? Ma, soprattutto, chi è veramente Megan e cosa nasconde il suo passato? Siamo ancora a maggio... ma questo libro è seriamente candidato ad essere il più brutto tra quelli letti (dal sottoscritto) nel corso del 2016.
Voto: 1 su 5

Le parti che ho evidenziato:
- Ero felice da fare schifo, e al tempo stesso profondamente disperata.
- L'arte non tira nelle periferie, non con la crisi che c'è...
- Il mio cuore sembra un uccellino indemoniato che prova ad uscire dalla gabbia.
- Non pretendere che io abbia la testa sulle spalle. Non posso. Non con te.
- Mi chiedo quando sia iniziato il mio declino e in quale punto avrei potuto invertire la tendenza. Quando ho preso la strada sbagliata?
- Devo imparare ad essere felice e che devo smetterla di cercare il mio benessere fuori da me.
- Ci sono battaglie che non vale la pena di combattere.
- Io non credo all'esistenza dell'anima gemella, ma con lui c'è un'intesa che non ho mai provato prima, o almeno, che non provavo da un sacco di tempo. Nasce dall'aver condiviso esperienze simili: noi sappiamo cosa significa essere spezzati. Sentirsi vuoto: lo capisco perfettamente. Comincio a credere che non esista una soluzione. [...] I buchi della vita non si chiudono più. Devi crescere intorno a loro, come le radici che affondano nel cemento, e devi rimodellarti intorno alle crepe.
- Da quando la casa è diventata così piccola? E la mia vita così noiosa? E' davvero questo che volevo? Non me lo ricordo.
- Quando chiudo gli occhi, ho la mente piena di immagini di vite passate e future, vedo le cose che desideravo, quello che ho avuto e che ho gettato via.
- [...] i treni che sfrecciano ricordandomi in continuazione che io sono ferma qui, che non vado da nessuna parte.
- Non la consideravo una persona reale, e poi mi divertivo tantissimo. Essere l'altra è eccitante, non posso negarlo: sei quella alla quale lui non sa dire di no, per quanto sia innamorato della moglie. Ti senti semplicemente irresistibile.
- Le alchimie delle famiglie sono spesso incomprensibili agli estranei.

Nessun commento:

Posta un commento