giovedì 27 ottobre 2016

[Recensione] Il tiranno

Il tiranno
di: Valerio Massimo Manfredi

Formato: Kindle
Dimensioni file: 1975 KB
Pagine: 424
Editore: Mondadori (7 ottobre 2010)
ASIN: B005SZ574Q
Data di acquisto: 22 ottobre 2016
Letto dal 22 al 27 ottobre 2016

Sinossi: Sicilia, 412 aC. Comincia il duello infinito fra un uomo e una superpotenza. L'uomo è Dionisio di Siracusa. La superpotenza Cartagine, signora dei mari e megalopoli mercantile. Dionisio, poco più che ventenne, combattente intrepido dell'esercito siracusano, è costretto ad assistere allo spaventoso massacro di Selinunte, splendida città greca al confine con la provincia cartaginese. Lo sdegno e la rabbia alimentano in lui tre ferree convinzioni: le democrazie sono inefficienti, i cartaginesi sono i mortali nemici dell'ellenismo e devono essere sradicati dalla Sicilia; l'unico uomo in grado di condurre a termine una tale impresa è lui stesso. Inizia così l'avventura di un uomo che costituì il più grande esercito dell'antichità ed edificò in pochi mesi la più ampia cinta muraria mai vista. Ma anche di un uomo che fu drammaturgo e statista, pieno di passioni e con una personalità energica e controversa. Ecco una storia che aspettava solo di essere raccontata. E nessuno poteva farlo meglio di Valerio Massimo Manfredi che regala ai suoi lettori un protagonista memorabile.

La mia recensione: "Ci sono momenti in cui si può rinunciare a una parte della propria libertà se è in gioco la vita stessa e la sopravvivenza di intere comunità, non credi? E vi sono situazioni nelle quali è proprio il popolo a conferire a un uomo degno responsabilità eccezionali". Libro che ripercorre, in modo molto romanzato, la vita e le gesta di Dionisio I di Siracusa, uno dei primi tiranni della Storia . Romanzo, perciò, che vede la guerra (e di conseguenza la morte) farla da padrone ma che, paradossalmente, ha le sue pagine intrise anche di amore, amicizia e fedeltà.
Storia abbastanza realista e parecchio violenta (non dico che ad ogni pagina ci scappa o il morto ammazzato o una donna violentata a sangue... ma ci siamo quasi) che descrive perfettamente il clima dell'epoca. Libro che si legge velocemente ma, data la presenza ad ogni pagina di guerre e battaglie spesso si perde il filo del discorso. La fine, per giunta, mi è parsa molto velocizzata.
Fortemente consigliato agli amanti dei libri storici ma, per quanto mi riguarda, è il primo libro che leggo di Valerio Massimo Manfredi e non so se ne leggerò mai altri.
Voto:  (3 su 5)

Nessun commento:

Posta un commento