mercoledì 8 novembre 2017

[Recensione] Insomnia

Insomnia
di: Stephen King

Titolo originale: Insomnia
Formato: Kindle
Dimensioni file: 1074 KB
Pagine: 750
Editore: Sperling & Kupfer (24 febbraio 2014)
ASIN: B00IJLRHOO
Data di acquisto: 8 agosto 2014
Letto dal 27 ottobre all'8 novembre 2017

----- Sinossi -----
Ralph Roberts è un uomo distrutto: da mesi non riesce a dormire. Ciò che lo sconvolge di più sono le inquietanti percezioni che accompagnano il suo stato di veglia: colori, forme, aure cangianti attorno alle persone. E non è tutto: l'intera comunità di cui fa parte sembra assalita da una marea montante di odio e di violenza. Ralph non lo sa ancora, ma forze terrificanti si stanno agitando nel sottosuolo...
Un romanzo carico di horror e suspense, che seduce il lettore garantendogli notti insonni.

----- La mia recensione -----
"Se ogni cellula del nostro corpo contiene lo schema completo di come siamo fatti, perché ogni frammento dell'aura di una persona non dovrebbe contenere lo schema completo di ciò che siamo?".
Ecco un altro dei libri di King che non mi è (quasi) piaciuto e che, addirittura, stavo (quasi) per abbandonare... Contenuti abbastanza pesanti, passaggi talvolta completamente inutili e trama che per gran parte del romanzo (per la precisione, per oltre tre quarti del libro) è stata di una noia mortale. Aggiungiamoci, come ciliegina sulla torta, anche dialoghi e passaggi allungati ben oltre la mia soglia di tolleranza e di sopportazione e due protagonisti (Ralph e Lois) davvero improbabili nei panni di paladini del mondo reale.
Carina l'idea che mediante l'insonnia prolungata per lunghi periodi si possa accedere ad un mondo di colori e sensazioni extrasensoriali... ma il tutto non è stato minimamente supportato dal resto della struttura stessa del romanzo. Qualcos'altro da salvare? Ho trovato bello il fatto che venissero citati alcuni episodi di altri libri o racconti dello stesso King (It, Pet Sematary e Finestra segreta, giardino segreto su tutti) ed altri tratti da Il Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien, quasi che King volesse omaggiare il suo illustre collega. Da segnalare anche la presenza di numerosi riferimenti (soprattutto per quanto riguarda il personaggio del piccolo Patrick e di un suo disegno) alla saga della Torre Nera dello stesso Stephen King.
- Voto: (2 su 5)

Nessun commento:

Posta un commento