venerdì 1 dicembre 2017

National Geographic Italia - dicembre 2017

National Geographic Italia - dicembre 2017
Vol. 40 - N. 6 (n. 239 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: Nei secoli, l'immagine di Gesù di Nazareth è stata rappresentata da artisti di ogni genere e nazionalità.

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): Una ricchezza da tutelare. Non di rado capita di sentire qualche inguaribile ottimista sostenere che l'Italia possiede il 50$ del patrimonio artistico - o culturale, secondo i giorni e gli umori - mondiale. I più temerari arrivano al 60, o addirittura al 70%. Beh, non è vero. Ed è anche controproducente, perché alimenta un orgoglio nazionale a orologeria che svanisce in un amen e non offre nessun contributo a migliorare lo stato disastroso in cui versa quello stesso patrimonio. Prendiamo le aree archeologiche, per esempio. Fatta eccezione per quelle poche su cui di tanto in tanto si accende la luce dei riflettori, dal Colosseo a Pompei, ci sono centinaia di siti abbandonati al degrado e all'incuria, assediati dallo sviluppo urbano e spesso esposti al saccheggio indisturbato dei tombaroli. Siamo andati a visitarne qualcuno, in queste pagine, ma ce ne sono molti altri, disseminati lungo tutta la penisola. Ma forse a raccontare più di tutto il disinteresse dell'Italia per le sue testimonianze archeologiche è un piccolo atto amministrativo di un paio d'anni fa, passato inosservato ai più. Il 15 aprile 2015 il Senato ha ratificato la Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico. Penultimi, insieme a San Marino e prima del Lussemburgo, che forse non hanno un inventario archeologico proprio di primissimo rilievo. Per la cronaca, la Convenzione era stata firmata a Malta nel 1992, "appena" 23 anni prima. Meglio tardi che mai. Ma prima di vantarci della sterminata ricchezza culturale di questo paese sarebbe il caso di prendersene cura.

- In cerca di Gesù. È una delle figure più influenti ed enigmatiche della storia umana. Ma chi era davvero Gesù di Nazareth? Cosa c'è di vero nella storia che conosciamo? Archeologi, scienziati e storici cercano di discernere tra la realtà e la finzione.
- Archeologia dimenticata. In Italia migliaia di aree archeologiche e monumenti sono in stato di abbandono, condannati all'anonimato.
- Giovani, soli, in trappola. Il sogno europeo di migliaia di minori bloccati in Serbia.
- Africa 2.0. Giovani, dinamici, innovativi, ambiziosi. I nuovi imprenditori africani dell'high-tech operano in un mercato pressoché vergine dal potenziale enorme, e potrebbero cambiare per sempre il continente.
- Via della seta. Il viaggio a piedi di Paul Salopek sulle tracce dell'espansione dei nostri antenati continua lungo un'antica rotta che ha cambiato il mondo.
- Dove regna il giaguaro. Il più grande felino delle Americhe è un importante simbolo spirituale per molte culture antiche e moderne, ma il suo areale si restringe a vista d'occhio. Se la situazione non cambia, il giaguaro potrebbe trasformarsi presto in un lontano ricordo.

Nessun commento:

Posta un commento