domenica 15 aprile 2018

National Geographic Italia: i numeri di gennaio e febbraio 2005

----- Gennaio 2005 -----
Mappa: Italia storica (lato A) e Italia fisico-politica (lato B)
- Italici: i popoli preromani. Vi fu un tempo in cui gli antichi Romani erano ancora "soltanto" un piccolo popolo accampato sulle rive del Tevere, i Latini, e la penisola ospitava una miriade di gruppi etnici, spesso in conflitto tra loro, ognuno con lingua, tradizioni e rituali propri. Si chiamavano Sanniti, Umbri, Piceni, Falisci, Etruschi, e lasciarono un segno indelebile non solo sull'Impero che sarebbe nato da lì a poco, ma anche nella cultura dell'Italia moderna.
- Sulle tracce degli Etruschi. Erano artisti, ingegneri, mercanti, artigiani, costruivano splendide tombe affrescate e fecero da "maestri" agli antichi Romani. Ma oggi nuovi scavi archeologici rivelano che gli Etruschi influenzarono anche altri popoli italici, e gettano nuova luce sulla loro ancora misteriosa civiltà.
- La mia droga si chiama caffeina. Ci dà la carica, ci rende nervosi, ci fa lavorare di più e perdere il sonno, eppure rifiutiamo di farne a meno. È la sostanza psicoattiva più diffusa al mondo. Ne ingurgitiamo in gran quantità anche sotto forma di farmaci analgesici, pillole dimagranti, cioccolata e persino aranciata. Ma siamo sicuri di conoscere tutti gli effetti che può avere sul nostro organismo?
- L'Atlante dei Berberi. Sono depositari di tradizioni che risalgono a migliaia di anni fa; ma mentre i Berberi che risiedono nelle città lottano con forza per affermare la loro identità culturale, quelli che vivono isolati fra le montagne dell'Alto Atlante affrontano quotidianamente un'esistenza segnata da miseria, siccità e discriminazioni sociali. Viaggio alla scoperta di una cultura millenaria che rischia di scomparire per sempre.
- Corri cucciolo, corri. Nella natura selvaggia della riserva keniota del Masai Mara, una coppia di fotografi (Anup e Manoj Shah) segue per tre anni una famiglia di ghepardi, dalla nascita dei cuccioli alle lezioni di caccia con mamma ghepardo. Uno straordinario ritratto fotografico del più veloce ed elegante predatore della savana.
- Oltre la valle delle meraviglie. Basta allontanarsi un po' dalle orde di turisti a caccia di inquadrature e souvenir che affollano i luoghi più celebri dello Yosemite National Park per compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio. Alla ricerca dello Yosemite perduto, un grande scrittore si inerpica verso una rupe di granito e scopre panorami e suggestioni diverse, strane, nuove.

----- Febbraio 2005 -----
- Quel che resta dell'Impero. A 1.500 anni dalla caduta dell'Impero Romano, la cultura dell'antica Roma non smette di influenzare le nostre vite: dall'architettura alle forme di governo, dalla lingua che parliamo alla giurisprudenza, l'eredità dei Cesari continua a essere uno dei pilastri della civiltà occidentale.
- Nel regno del vuoto. Un immenso deserto, più vasto della Francia, che si estende oltre i confini di quattro Paesi della Penisola Arabica. Questo è il Rub al Khali: un ambiente tra i più aridi e ostili ma anche tra i più affascinanti del pianeta, che resiste da millenni a ogni tentativo di insediamento da parte dell'uomo.
- Benvenuti a Bollywood. Iperbolica, ricca di musiche, amori e star sfolgoranti, l'industria cinematografica indiana è la più grande del mondo, sforna un migliaio di film all'anno e può contare su oltre tre miliardi e mezzo di spettatori. Segreti e retroscena di una cinematografia che rispecchia sogni e aspirazioni della nuova classe media indiana.
- Predatore silenzioso. L'allocco di Lapponia è il re alato delle foreste. Vola sulle radure innevate e con l'udito finissimo individua le prede che cercano di nascondersi sotto la coltre bianca. Ma pur essendo uno spietato cacciatore, è un genitore affettuoso, pieno di premure per la prole.
- Siria, il culto dei morti. Un banchetto in cui i defunti dividono il cibo con i vivi: è il kispum, un rituale di venerazione degli antenati finora avvolto nel mistero. Ma a Qatna una tomba regale rimasta sigillata per 3.300 anni svela i segreti di quell'antichissima cerimonia.

Nessun commento:

Posta un commento