venerdì 6 aprile 2018

[Recensione] Il filo che brucia

Il filo che brucia - Serie di Lincoln Rhyme, vol. 9
di: Jeffery Deaver

Titolo originale: The Burning Wire
Formato: copertina rigida
Pagine: 531
Editore: Rizzoli (30 giugno 2010)
ISBN-13: 978-8817040761
Data di acquisto: 14 febbraio 2017
Letto dal 31 marzo al 6 aprile 2018

----- Sinossi -----
La notizia raggiunge Lincoln Rhyme nella sua casa-laboratorio di Central Park West: l'Orologiaio, l'unico criminale a essergli sfuggito, è stato avvistato all'aeroporto di Città del Messico. Rhyme sta già pregustando l'occasione di regolare i conti con la sua nemesi, quando al quartier generale dell'NYPD scatta l'allarme per un caso che richiede il suo intervento. Perché in pieno centro a Manhattan un autobus di linea è stato colpito da una violenta scarica elettrica che lo ha ridotto a una carcassa di metallo incandescente. La scena del crimine non lascia dubbi: qualcuno si è divertito a giocare con la rete elettrica della città, e quello che poteva sembrare un incidente è in realtà un attentato riuscito solo a metà. Poco dopo, infatti, il misterioso attentatore si fa vivo con la polizia per avanzare la sua esorbitante richiesta: una riduzione dei consumi elettrici così drastica da condannare New York alla paralisi. Mentre la task-force guidata da Rhyme segue la pista di un gruppo di ecoterroristi, i blackout e gli incidenti letali si moltiplicano, la città precipita nel caos e la minaccia elettrica rivela tutto il suo devastante potenziale distruttivo. Solo Lincoln Rhyme può sperare di sventare il piano criminale di chi sta trasformando New York in una gigantesca trappola mortale. Ma prima di incastrare il colpevole, Rhyme dovrà affrontare i fantasmi più reconditi della propria coscienza e del proprio passato. Evitando di lasciarci la pelle...

----- La mia recensione -----
"Potevi bloccare l'elettricità, la potevi incanalare, ma non la potevi fregare. Una volta creata, la corrente avrebbe fatto per istinto tutto il possibile per tornare a terra e, se la strada più diretta comportava il sacrificio di una vita umana al suo passaggio, lo faceva, letteralmente, in un lampo. La corrente non aveva coscienza, né sensi di colpa".
Bel libro con la corrente elettrica al centro della storia... e per il sottoscritto è stato anche come fare un viaggio indietro nel tempo, visto che negli anni '80, tra alti e bassi, ho studiato proprio elettronica. Romanzo con mille colpi di scena, alcuni prevedibilissimi altri meno, e tensione (scusate il gioco di parole) alle stelle perché, anche se i personaggi sono già noti non sai mai in cosa si imbatteranno o a cosa debbano stare attenti.
Storia, in puro stile Deaver, piena zeppa di citazioni, dettagli e nozioni tecniche a più non posso... ma non sempre facili da seguire. Ottimo il finale che lascia aperti un bel po' di temi, e situazioni (come la tetraplegia di Lincoln Rhyme), da affrontare nelle mie successive letture di Jeffery Deaver.
- Voto: (4 su 5)

----------
Altri libri di Jeffery Deaver che ho letto e recensito:
- 10 ottobre 2017: La bambola che dorme (serie di Kathryn Dance, vol. 1)
- 23 agosto 2016: Il silenzio dei rapiti
- 2 agosto 2000 (letto ma non recensito): Il collezionista di ossa (serie di Lincoln Rhyme, vol. 1)

Nessun commento:

Posta un commento