martedì 22 maggio 2018

Penna stilografica Platinum Preppy [Recensione]


Ho preso questa penna stilografica più per sfizio che per necessità... ed invece, nonostante le mie tante perplessità legate sia al materiale con cui è costruita che al prezzo basso, la Platinum Preppy, entry-level della giapponese Platinum, mi ha stupito in positivo. Ma andiamo con ordine...


Partiamo dal costo che è davvero alla portata di tutti: su eBay costa appena appena 4 euro. E da qui capirete che è una penna destinata essenzialmente a chi si avvicina per la prima volta al mondo delle stilografiche ed a chi non vuole spendere molto. La Platinum Preppy, ovviamente per contenere i costi, è realizzata interamente in policarbonato trasparente (perciò potremo vedere quanto inchiostro è rimasto nella sua cartuccia); le uniche parti in metallo sono il pennino e la molla all'interno del cappuccio (e di cui ci occuperemo tra poco).


Le misure di questa penna sono: 13,5 cm chiusa (ossia con il cappuccio calzato), 12 cm la sola penna, 6 cm il cappuccio e 13,5 cm con il cappuccio calzato nella parte posteriore. Il tutto per un peso di appena 13 grammi.


Dicevamo del cappuccio. Questo è a scatto ed è dotato, cosa incredibile per una penna tanto economica, di una sorta di molla e di un piccolo contenitore in resina che, ospitando il pennino, lo rende quasi ermetico e, di fatto, ne impedisce l'essiccazione dell'inchiostro. Platinum garantisce che con questa soluzione l'inchiostro è protetto anche se la penna rimane inutilizzata per un anno. La clip, infine, è molto dura e bisogna stare particolarmente attenti a non tirarla o sforzarla troppo.


Il pennino, che non ha il foto di sfiato, è in acciaio ed è disponibile in due gradazioni: F (che Platinum chiama 0.3) ed M (0.5). In realtà, cercando bene sul web, si possono trovare Preppy anche con il pennino EF (0.2)... ma non è molto usato perché l'extrafine giapponese (EF appunto) ha un tratto molto ma molto sottile. Il modello che ho comprato io è un F ed ha un ottimo feedback: non gratta sulla carta, ma anzi scivola che è una meraviglia.


Le uniche note stonate, se così le possiamo definire, sono date dal fatto che:
- primo: per inserire la cartuccia, è necessario premere un bel po' sull'estremità della "pallina" che chiude la cartuccia fino a quando non si sente una specie di "clic"
- secondo: come potete vedere da queste mie foto, sul corpo della penna sono stampati il nome, la marca e addirittura il codice a barre del prodotto. Scelta stilistica e "visiva" che non trova il mio apprezzamento.


Particolarità interessante di questa penna è la sua vendita abbinata ad una cartuccia di inchiostro dello stesso colore del suo cappuccio: io ho preso quella con il cappuccio blu (anche se in realtà sembra più un azzurro scuro) e, perciò, la cartuccia abbinata ha l'inchiostro blu; se prendete quella con il cappuccio rosso avrete una cartuccia con l'inchiostro rosso e così via. Ad ogni modo, i colori disponibili sono: blu, nero, verde, rosso e viola.


La Platinum Preppy monta le cartucce Platinum proprietarie e non le classiche Pelikan 4001 ad attacco standard internazionale. Tuttavia, se volete usare gli inchiostri in boccetta/calamaio, in vendita c'è anche un converter (ovviamente ad attacco proprietario Platinum) che costa 9,90 euro; se poi volete proprio inchiostrare questa penna con le cartucce Pelikan 4001, potrete inserire l'apposito adattatore (1,90 euro, sempre su eBay).
Ecco qui sotto la mia prova di scrittura; termino questa recensione con il mio voto/giudizio: 7; la Platinum Preppy è un'ottima penna stilografica "da battaglia" (dato il suo prezzo irrisorio, la potete strapazzare senza aver paura di smarrirla o romperla).


[clicca qui per tutte le altre recensioni di stilografiche, inchiostri ed altri strumenti di scrittura]

Nessun commento:

Posta un commento