martedì 12 giugno 2018

National Geographic Italia - giugno 2018

National Geographic Italia - giugno 2018

Vol. 41 - N. 6 (n. 245 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: Usiamo circa 1.000 miliardi di sacchetti di plastica l'anno, ognuno per 15 minuti in media. Ma è solo la punta dell'iceberg di una forma d'inquinamento che sta saturando i nostri mari di plastica. Illustrazione di Jorge Gamboa

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): Resistenza plastica. "È leggero, resistente, inconfondibile...", canticchiava una squillante voce femminile mentre il faccione allegro di Gino Bramieri mostrava catini, giocattoli, spazzole per capelli, cestini per la spazzatura, tutto ciò che si poteva realizzare con il nuovo, prodigioso materiale ideato da Giulio Natta, che gli sarebbe valso il premio Nobel per la chimica nel 1963. Si chiamava polipropilene isotattico, ma a chi come me aspettava ogni sera Carosello prima di andare a letto resterà sempre impresso il nome commerciale recitato dal ritornello: "Ma signora guardi ben che sia fatto di Moplen". Le materie plastiche hanno segnato un momento cruciale nella storia della civiltà industriale e della società. Leggere e resistenti, come proclamava la pubblicità, utilizzabili in migliaia di prodotti e soprattutto poco costose, hanno dato, e ancora danno, un contributo rilevante al nostro benessere. Ma c'è un problema. Tre quarti degli 8,3 miliardi di tonnellate di materie plastiche prodotte sono rifiuti, il 90% dei quali non sono stati riciclati, Moplen compreso. Non sappiamo precisamente quanta di questa plastica finisca nei mari: le stime vanno da 4,8 a 12,7 milioni di tonnellate l'anno che si disgregano in minuscoli frammenti che resteranno in mare per i secoli a venire. Il problema più serio è la plastica monouso. Imballaggi, sacchetti, cannucce, bottiglie, utili per appena pochi giorni o poche ore. Per questo, già ora questa rivista arriva agli abbonati in una confezione di ecoplastica. Entro il 2019 passeremo alla carta. Ma ognuno di noi può fare la sua parte. Per la salute del pianeta, e per la nostra.

- Plastica. L'abbiamo creata. Ne dipendiamo. La stiamo disseminando ovunque, soprattutto nei mari. Oggi, nonostante il riciclaggio, rimangono almeno 5,5 miliardi di tonnellate di plastica da smaltire. Possiamo goderci questo materiale miracoloso e mantenere pulito l'ambiente?
- Alati, quasi umani. Intelligenti e amati, i pappagalli oggi sono a rischio.
- Kashmir, rabbia cieca. Farzan Sheikh, un adolescente non vedente è il simbolo di un conflitto senza fine.
- In cerca della colonia perduta. Erano i pionieri dell'Inghilterra, i primi coloni del Nuovo Mondo. Avevano colonizzato un'isola sulla costa occidentale degli odierni Stati Uniti. Poi scomparvero nel nulla. Nuovi scavi archeologici potrebbero gettare luce sulla loro sorte.
- Ritratti da Pyongyang. Un fotografo può catturare l'individualità in un Paese come la Corea del Nord in cui tutto è sotto controllo?

Nessun commento:

Posta un commento