domenica 5 agosto 2018

National Geographic Italia: i numeri di luglio ed agosto 2007

----- Luglio 2007 -----
- Le piume della seduzione. Gli uccelli del paradiso della Nuova Guinea sfoggiano splendide livree variopinte e sono dei veri maestri nella danza di corteggiamento, imitata persino dagli abitanti del luogo.
- Malaria. Qualcuno pensa addirittura che sia stata debellata. Invece, al mondo non ci sono mai stati tanti casi di malaria come oggi. La maggior parte delle vittime sono bambini africani. Un reportage globale su come si combatte questa malattia, più antica dell'uomo, e sulla difficile corsa al vaccino.
- Foreste nelle maree. Vivono a cavallo fra la terra e l'oceano, ospitano una miriade di forme di vita e sono un eccellente sistema naturale di difesa delle coste, persino contro gli tsunami. Perché allora le foreste di mangrovie stanno scomparendo dai Tropici?
- Inferno e paradiso? Siena al primo posto, Catania all'ultimo: è il risultato di un'autorevole indagine sulla qualità della vita in Italia. È davvero così? Su cosa si basa il successo del "modello" senese? Le statistiche sono troppo impietose con le contraddizioni di Catania? Due città, due volti diversi dell'Italia di oggi.
- La logica dello sciame. Un'ape da sola non è particolarmente intelligente, ma una colonia di api è in grado di risolvere i problemi con efficienza. Lo stesso vale per i banchi di pesci o gli stormi di uccelli. Oggi lo studio dell'intelligenza collettiva degli animali ci fornisce spunti per risolvere problemi complessi della società umana.
- Codice postale: Caprera. L'eroe dei Due Mondi vi approdò la prima volta quasi per caso, poi la scelse come dimora per sé e la sua famiglia fino alla fine dei suoi giorni. Nel bicentenario della nascita, viaggio alla scoperta dell'isola di Giuseppe Garibaldi.
- Archivio italiano (Che caldo fa): Tropico d'Italia. Breve carrellata fotografica nelle calde estati italiane nella prima metà del XX secolo.
Occhio privato: Mark W. Moffett. Alcuni scatti di Mark W. Moffett, fotografo scientifico e naturalistico per eccellenza ma anche biologo ed entomologo, che ha collaborato per diversi servizi con National Geographic.

----- Agosto 2007 -----
Mappa in allegato: Cartina fisica del Messico e dell'America centrale (lato A); Cartina politica del Messico e dell'America centrale (lato B)
- Il mistero dei Maya. Come nacque questa grande civiltà e perché scomparve, lasciando dietro di sé soltanto sontuose rovine? Le ultime ricerche archeologiche cominciano a rispondere a questi interrogativi. Fu, pare, un misterioso guerriero a portare i Maya all'apice del loro splendore. Poi, guerre e carestie li annientarono.
- Riviera romagnola. Dal 1843, quando a Rimini nacque il primo stabilimento balneare d'Europa, la "riviera dei vitelloni" è sempre stata all'avanguardia nel campo del turismo mondiale. Oggi, tra parchi a tema, beach bar, piadine, sushi e pensioni per famiglie, il "divertimentificio" d'Italia cambia volto ma non perde il suo smalto. E si apre sempre più al turismo dell'Est.
- Narvali. Il dente del narvalo, una lunga spada d'avorio, è un oggetto ambito fin dal Medioevo. Oggi gli Inuit continuano a dare la caccia al cetaceo, e la sua sopravvivenza è a rischio.
- Italiani in Messico. Erano alti, biondi e portavano scarpe di legno. Da Segusino, in Veneto, traversarono l'oceano sognando un paese delle meraviglie. Ma Chipilo era una terra povera e bruciata dal sole, che loro trasformarono in campi fertili. Oggi i chipileñi parlano ancora la lingua del loro antenati e restano fedeli alle tradizioni del paese d'origine.
- Superformiche. Si fanno belle l'una con l'altra. Usano strumenti. Adorano aggrapparsi e lasciarsi scivolare. Ebbene sì: le formiche fanno tutto ciò, e molto altro ancora.
- Codice postale: Salina. Un tempo, da qui, salpavano navi cariche di prodotti della terra. Poi arrivò la filossera, e cominciò la lunga odissea dell'emigrazione. Oggi la più verde delle isole Eolie ha trovato il suo riscatto grazie al turismo, ma non vuole rinunciare alla sua identità.
- Archivio italiano (Deserto in città): La vacanza senza vacanza. Breve carrellata fotografica sulle città italiane in piena estate nella prima metà del XX secolo.

Nessun commento:

Posta un commento