martedì 5 febbraio 2019

National Geographic Italia - febbraio 2019

National Geographic Italia - febbraio 2019

Vol. 43 - N. 2 (n. 253 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: I baobab di Morondava, icone viventi del Madagascar, vengono spesso tagliati e usati come materiale da costruzione. Fotografia di Frans Lanting

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): Il regno dei baobab. Sfiancato dai capricci del baobab, che pretendeva di essere il più bello di tutti gli alberi, un giorno un dio lo sradicò e lo ripiantò sottosopra. Fu così che il baobab divenne l'unica pianta del creato con le radici rivolte verso il cielo e la chioma sotto terra, almeno secondo una delle infinite leggende africane a proposito di questi alberi tanto maestosi quanto singolari. Di baobab ne esistono otto specie, sei delle quali sono endemiche del Madagascar. E già basterebbe per riconoscerne l'unicità. Ma il Madagascar è molto di più. La sua flora comprende migliaia di specie, di cui il 70-80% sono endemiche. E lo stesso vale per la fauna, con un centinaio di lemuri, centinaia di anfibi e ancora camaleonti, uccelli e farfalle che vivono solo qui. Insomma, la grande isola africana affacciata di fronte alla costa del Mozambico è uno dei più straordinari serbatoi di biodiversità del pianeta, come raccontano gli scatti di Frans Lanting (tornato in Madagascar a trent'anni dalla sua prima visita) che vengono pubblicate in questo numero. A maggior ragione, dunque, il suo ambiente dovrebbe essere sottoposto a una tutela ferrea. Dopo anni turbolenti dal punto di vista politico, da qualche settimana a questa parte il Madagascar ha un nuovo presidente, Andry Rajoelina, che era già salito al potere nel 2009 in seguito a un'insurrezione. Ora Rajoelina dovrà al tempo stesso sfruttare le grandi risorse del paese per ridurre l'estrema povertà della popolazione senza distruggerne ulteriormente il patrimonio boschivo, dimezzato negli ultimi 60 anni. Un compito arduo, che potrà essere portato a termine soltanto con un'alleanza tra l'uomo e la natura.

- Sacrificio estremo. Più di 500 anni fa, nell'attuale Perù, 269 bambini furono uccisi in un rituale degli antichi Chimù. A oggi, nessuno sa spiegare il perché.
- Litio, l'oro bianco. Con la crescita della domanda globale di batterie ricaricabili, la Bolivia sogna di arricchirsi estraendo litio dalla sua immensa salina, il Salar de Uyuni.
- Madagascar. Il fotografo Frans Lanting ritorna in Madagascar 30 anni dopo uno storico servizio per National Geographic sullo stato della natura dell'isola. La sua testimonianza.
- Il cancuro, da icona a maledizione. Simbolo dell'Australia, oggi il canguro crea problemi, e molti vorrebbero liberarsene.
- Maschere, tradizione e ribellione. Nelle Americhe il carnevale è un omaggio alle origini dei popoli.

Nessun commento:

Posta un commento