domenica 28 luglio 2019

National Geographic Italia: i numeri di settembre ed ottobre 2008

----- Settembre 2008 -----
- Milano, segreti d'acqua. "Milano è più bella di Venezia!", sosteneva Stendhal, che agli inizi dell'Ottocento vide i navigli correre tra le case. Ma c'è anche molto altro. Milano cela un mondo d'acqua, misterioso ma ancora in gran parte visibile.
- Gli elefanti di Samburu. Dopo decenni di ricerche sul campo Iain Douglas-Hamilton, uno dei più grandi esperti di elefanti al mondo, svela i complessi rapporti familiari e sociali di questi maestosi animali.
- Misure estreme. L'abbattimento selettivo degli elefanti è una pratica proibita dal 1995. Ma ora, le popolazioni del Sudafrica sono in forte crescita, e la misura potrebbe essere reintrodotta.
- Che botte! Lo sport più amato a EI Alto, in Bolivia, è la lotta delle cholitas, donne che combattono in gonna e bombetta.
- La buona terra. Il futuro del pianeta è sotto i nostri piedi: dagli Stati Uniti all'Africa, passando per la Cina, National Geographic fa il punto sulla salute del suolo del pianeta.
- Un futuro a secco? La desertificazione interessa circa il 30% del nostro suolo. Cosa si sta facendo in Italia per salvare i terreni dal degrado?
- Sahara Verde. Tornano alla luce i resti delle misteriose tribù che abitarono il deserto quando era una distesa lussureggiante.
- Le tombe di Takarkori. La scoperta della missione italiana in Libia: una necropoli dove sono sepolti solo donne e bambini.
- Vele nel blu. Pinna dorsale eretta e livrea iridescente: è la tenuta da caccia degli spettacolari pesci vela.
- Ambiente italia. Benvenuti a Torraca (Sa), anche detta "Led city".
- Archivio italiano (Il ritorno in ufficio): Lunedì si ricomincia. Breve carrellata fotografica sul ritorno dalle vacanze e dalle ferie nei primi 50 anni del XX secolo.

----- Ottobre 2008 -----
- Gli ultimi Neandertal. Dominarono l'Eurasia per 200.000 anni, e per un po' convissero con Homo sapiens. Studi recenti rivelano importanti novità su questi nostri parenti preistorici, ma una domanda resta insoluta: perché scomparvero?
- Alberi monumentali. Il Corpo Forestale ha fatto il primo passo: un censimento degli alberi di interesse naturalistico e storico della penisola. Ora tocca alle istituzioni proteggere e tutelare questi patriarchi verdi, che in molti casi sono stati testimoni di eventi importanti della storia d'Italia.
- Il canto del gigante buono. Per secoli le balene franche nordatlantiche sono state oggetto di una caccia spietata che ha quasi sterminato la specie. Oggi questi giganti del mare, ridotti a meno di 400 individui, devono affrontare un nuovo pericolo: le reti da pesca e le collisioni con le navi.
- Autostrada per il futuro. Un'autostrada nuova di zecca unisce le quattro città più popolose dell'India, portando modernità e offrendo opportunità di lavoro in un paese in forte crescita economica. Ma per chi vive nelle zone rurali attraversate dal nastro d'asfalto l'impatto può essere sconvolgente, e lo stile di vita "semplice" tanto caro a Gandhi, che caratterizzò l'India postcoloniale, rischia di diventare un ricordo.
- A caccia di guai. Il variopinto gruccione è un uccello che ama il rischio: vola da un continente all'altro come se nulla fosse, ha una tecnica tutta sua per cacciare gli insetti velenosi e conduce una vita sociale estremamente complessa e variata.
- Ambiente Italia: l'Agro Pontino. Erano paludi selvagge e inospitali, regno della malaria. Poi, negli anni '30, una radicale bonifica trasformò quell'ostico paesaggio in fertile terreno agricolo. Ma ora le pianure dell'Agro Pontino rischiano nuovamente di perdere il loro fragile equilibrio.
- Archivio italiano (Bonifica littoria): L'Ascensione delle paludi. Breve carrellata fotografica sulla bonifica delle Paludi Pontine tra gli anni '10 e '39 del XX secolo.

Nessun commento:

Posta un commento