mercoledì 20 novembre 2019

[Recensione] La vacanza ideale

La vacanza ideale
di: Claire Douglas

Titolo originale: Last seen alive
Formato: Kindle (1074 KB)
Pagine: 279
Editore: Casa Editrice Nord (8 novembre 2018)
ASIN: B07HMGK9WX
Data di acquisto: 22 novembre 2018
Letto dal 13 al 20 novembre 2018

----- Sinossi -----
Troppo bella per essere vera. Così sembra a Libby la proposta, del tutto inaspettata, di fare uno scambio di casa per una settimana: una splendida villa, affacciata sul mare selvaggio della Cornovaglia, in cambio del suo piccolo appartamento a Bath. Anche il tempismo non poteva essere migliore. A nove mesi dalle nozze, le cose col marito Jamie non vanno come Libby aveva sperato e pure il lavoro d'insegnante si sta rivelando più frustrante del previsto. E poi c'è quella voglia di scappare, che è diventata sempre più forte da quando una sua foto è comparsa su tutti i giornali, dopo che lei ha salvato uno dei suoi alunni da un incendio divampato a scuola. Da allora, Libby vive nel terrore che quella foto possa spalancare la porta a un passato da cui lei ha cercato disperatamente di fuggire. E i suoi sospetti trovano conferma nel momento in cui arriva in Cornovaglia con Jamie. La sequenza di piccoli incidenti e strane coincidenze è troppo lunga per essere frutto del caso. È possibile che la stiano minacciando? Che quelle presenze sinistre in giardino siano persone che la stanno spiando? Oppure è soltanto la paranoia a rendere Libby sospettosa? La risposta arriva col ritorno a Bath, e non è certo rassicurante. Gli incidenti, infatti, si fanno sempre più gravi e inquietanti. A questo punto Libby non ha più dubbi: qualcuno l'ha trovata. Qualcuno che conosce il suo segreto. E stavolta scappare non servirà a nulla...

----- L'incipit del libro -----
Aveva occhi bellissimi, color dell'oceano. Erano il suo tratto migliore. Ora invece sono vitrei e spenti come quelli di una bambola di porcellana. Fissano il cielo che imbrunisce, vuoti e ciechi. La statuetta mi scivola di mano e gli cade addosso, sulla coscia.
Provo un tale orrore che per qualche istante fisso paralizzata la ferita sul cranio e il rivolo di sangue che ne fuoriesce, macchiando l'erba di rosso. Poi però m'inginocchio accanto a lui, sull'erba bagnata. Faccio attenzione a non toccarlo. Non posso lasciare impronte. Alzo lo sguardo, furtivamente. Il palazzo è a cinquanta metri da me. Le luci sono spente, alcune finestre hanno le tende aperte, altre le veneziane tirate su. Qualcuno era affacciato? Ragiono già come una criminale. Qualcuno mi ha visto tra l'erba alta del giardino incolto? Mi hanno visto uccidere mio marito?

----- La mia recensione -----
"Viviamo le nostre vite cercando di fare del nostro meglio, commettiamo errori e senza volerlo - o, a volte, facendolo apposta facciamo arrabbiare delle persone. Ma come facciamo a sapere se poi si vendicheranno?".
Conosciamo davvero bene la persona che ci dorme accanto? Sappiamo tutto di lui/lei? O, nella sua vita, ci sono "zone d'ombra" di cui non ci ha ha mai parlato? Ecco, il "nocciolo centrale" di questo libro gira proprio attorno a queste tre domande...
È il terzo romanzo che leggo di Claire Douglas... i precedenti non mi erano piaciuti per niente, perciò mi sono avvicinato a questo nuovo libro con un po' di timore. Ma stavolta, lo devo ammettere, la Douglas ha fatto centro!
Thriller ben costruito e con una storia molto originale e particolare, in alcuni punti anche abbastanza toccante, ma rovinato da un finale molto frettoloso e con qualche forzatura di troppo. Perfettamente caratterizzate le due coprotagoniste Beth e Karen, un po' ingenuo Jamie (non dico però di chi è il marito): aveva tutti tasselli al posto giusto per capire l'inganno della casa ma continuava a non "vederli".
- Voto: (4 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho evidenziato

----------
I precedenti libri di Claire Douglas che ho letto e recensito:
- 23 febbraio 2017: Le sorelle
- 23 ottobre 2017: La migliore amica

domenica 17 novembre 2019

Arriva "La casa delle voci", il nuovo romanzo di Donato Carrisi

Donato Carrisi, maestro internazionale del thriller (è uno scrittore e regista di successo), nonché fresco di regia con "L'uomo del labirinto" (tratto dall'omonimo libro), il 2 dicembre torna nelle librerie con un nuovo romanzo edito sempre da Longanesi: La casa delle voci.
Ecco la scheda del libro:

Formato: Kindle (1248 KB)
Pagine: 400
Editore: Longanesi (2 dicembre 2019)
ASIN: B081547D17
ISBN-13: 978-8830448292
Prezzo di copertina: 11,99 euro per il Kindle e 18,70 euro per il cartaceo
Prenotato (per il Kindle) il 14 novembre 2019

Gli estranei sono il pericolo. Fidati soltanto di mamma e papà...
Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l'ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso traumatizzati, segnati da eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui polizia e magistrati si servono per le indagini. Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l'addormentatore di bambini. Ma quando riceve una telefonata dall'altro capo del mondo da parte di una collega australiana che gli raccomanda una paziente, Pietro reagisce con perplessità e diffidenza. Perché Hanna Hall è un'adulta. Hanna è tormentata da un ricordo vivido, ma che potrebbe non essere reale: un omicidio. E per capire se quel frammento di memoria corrisponde alla verità o è un'illusione, ha disperato bisogno di Pietro Gerber. Hanna è un'adulta oggi, ma quel ricordo risale alla sua infanzia. E Pietro dovrà aiutarla a far riemergere la bambina che è ancora dentro di lei. Una bambina dai molti nomi, tenuta sempre lontana dagli estranei e che, con la sua famiglia, viveva felice in un luogo incantato: la "casa delle voci". Quella bambina, a dieci anni, ha assistito a un omicidio. O forse non ha semplicemente visto. Forse l'assassina è proprio lei...

----------
I libri di Donato Carrisi che ho letto e recensito:
- Il gioco del Suggeritore. Mila Vasquez, vol. 4 (11 gennaio 2019)
- L'uomo del labirinto. Mila Vasquez, vol. 3 (18 dicembre 2017)
- Il Suggeritore. Mila Vasquez, vol. 1 (11 maggio 2017)
- Il cacciatore del buio. Marcus e Sandra, vol. 2 (15 febbraio 2017)
- Il maestro delle ombre. Marcus e Sandra, vol. 3 (20 dicembre 2016)
- L'ipotesi del male. Mila Vasquez, vol. 2 (27 agosto 2016)
- La ragazza nella nebbia (11 gennaio 2016)
- Il tribunale delle anime. Marcus e Sandra, vol. 1 (27 ottobre 2014)
- La donna dei fiori di carta (9 luglio 2014)

La classifica dei libri più venduti (di domenica 17 novembre 2019)

Questi i libri più venduti della settimana (fonte: "La Lettura", supplemento del Corriere della Sera di domenica 17 novembre 2019):

1. (n) Elena Ferrante: La vita bugiarda degli adulti
2. (n) Gianrico Carofiglio: La misura del tempo
3. (1) Fabio Volo: Una gran voglia di vivere
4. (2) Isabel Allende: Lungo petalo di mare
5. (n) Massimo Gramellini: Prima che tu venga al mondo
6. (3) Benedetta Rossi: In cucina con voi!
7. (4) Stefania Auci: I leoni di Sicilia
8. (n) Jeff Kinney: Diario di una schiappa. Giorni da brivido
9. (n) Nadia Toffa: Non fate i bravi
10. (8) Sandro Veronesi: Il colibrì

[settimana precedente]

sabato 16 novembre 2019

Zagor Classic, albo n. 9: Gli schiavi della miniera

Zagor Classic, albo n. 9: Gli schiavi della miniera

Data di uscita: 15 novembre 2019
Pagine: 84
Soggetto, sceneggiatura, disegni e copertina: Gallieno Ferri
Colori: GFB Comics
Prezzo di copertina: 3,50 euro

Ospiti dei Cayuga, una pacifica tribù di indiani, Zagor e Cico si ritrovano in una disavventura quando il panciuto messicano, scambiato erroneamente per un pellerossa, è rapito da una banda di trafficanti d'esseri umani. Venduto come schiavo, Cico si ritrova in una miniera in compagnia di altri indiani costretti a lavorare in condizioni terrificanti, pena la tortura e la morte. In loro soccorso giunge Zagor che, per avere la meglio contro nemici tanto numerosi quanto spietati, dovrà dare il via a una vera e propria rivolta...

mercoledì 13 novembre 2019

Recensione della penna stilografica Pilot Prera "Ocean Blue"


La Pilot Prera, della giapponese Pilot, è la classica penna stilografica "da battaglia", ossia studiata per un uso quotidiano ma che, allo stesso tempo, non disdegna di fare bella figura sulle nostre scrivanie. È disponibile in svariati colori (bianca, fucsia, verde, giallo, Slate Grey (una sorta di blu-grigio), Ocean Blue, marrone, avorio, ecc.) più una serie, detta "Clear Demonstrator", completamente trasparente con gli inserti in numerosi colori (nero, celeste, verde, arancione, blu, rosa e rosso). Quella che ho acquistato io è di color Ocean Blue, una bellissima tonalità di blue zaffiro... che poi, come già sapete se avete letto le altre mie precedenti recensioni, è il mio colore preferito (anche per quanto riguarda gli inchiostri).
Partiamo, come sempre, dal prezzo. Su Ebay è venduta a 35 euro... ma solo se vi rivolgerete a venditori nipponici; altrimenti, orientandosi su venditori italiani, europei o americani, il prezzo tenderà a lievitare un poco. Inoltre, considerate anche il fatto che alcuni fanno pagare anche le spese di spedizione e, in casi estremi, anche le spese doganali.


La confezione d'acquisto è semplicissima. La penna vi arriverà in un'elegante scatolino in plastica, con il coperchio trasparente (così da permettere di vedere l'interno). Nella confezione troviamo la Pilot Prera, una cartuccia proprietaria IC-50 con inchiostro di colore nero, un foglietto illustrativo e (nel caso lo abbiate acquistato) il converter Pilot Con-40. Come se non bastasse, nella confezione che ho ricevuto io, c'erano anche due piccoli "cadeau": il venditore giapponese presso cui ho acquistato la penna stilografica, infatti, ha aggiunto anche un simpatico origami ed una lettera (scritta a mano) di ringraziamento.
La peculiarità che salta subito all'occhio della Pilot Prera è data dalle sue dimensioni davvero ridotte (anche troppo, a dire il vero). Infatti, da chiusa (con il cappuccio calzato) misura  12,5 cm, da aperta 11... che diventano 15,50 se si calza il cappuccio nella parte posteriore. Il peso è di poco superiore ai 12 grammi, quasi 13. Da queste misure abbastanza risicate si capisce subito che chi ha mani grandi sarà costretto a calzare il cappuccio nella parte posteriore della penna per permettergli di "arrivare" a misure più ragionevoli.


Il corpo, dalla forma "troncata", è tutto in resina acrilica (uniche eccezioni sono le cromature del pennino, della clip e di alcuni anelli metallici). Il cappuccio è a pressione (un'ottima pressione direi) ed ha la "testa" metallica su cui è incastonata la clip (dura al punto giusto). Completa il cappuccio un piacevolissimo, dal punto di vista estetico, anello cromato. Poco sopra di questo anello sono stampate le diciture Prera e Pilot Japan. All'interno del cappuccio è presente un piccolo contenitore in resina bianco che, quando la penna è chiusa, ospita il pennino ed evita che secchi e, allo stesso tempo, lo preserva dalle cadute e dagli urti accidentali (con conseguente fuoriuscita di inchiostro).
Torniamo un attimo al corpo della penna. Alla sua estremità troviamo il finto fondello ed un anello metallico. Un altro anello metallico è posto, invece, subito prima dell'impugnatura.


Il pennino, lo stesso della Pilot 78G, è in acciaio e, pur essendo durissimo, non gratta in fase di scrittura. Su di esso sono riportati la scritta Japan Super Quality e la dicitura F (Fine). L'alimentatore è quello solito, in plastica. Io ho scelto un pennino di misura F: come tutti i pennini asiatici, questa misura scrive davvero sottilissimo, praticamente il tratto lasciato sul foglio ha le dimensioni di un capello (giudicate voi stessi guardando l'ultima mia foto in basso). Da quando sto usando questa penna il pennino si è sempre comportato bene: mai una macchia, mai una falsa partenza (anche lasciando la penna senza cappuccio per parecchio tempo) e mai un impuntamento.
Questa stilografica utilizza le cartucce proprietarie Pilot IC-50 (una, con inchiostro nero, è già disponibile nella confezione d'acquisto); in alternativa, se si vogliono usare gli inchiostri in boccetta/calamaio, è disponibile il converter Pilot Con-40 (però fate attenzione: non tutti i venditori lo inseriscono nella confezione d'acquisto... e, quindi, lo fanno pagare a parte). Per quanto mi riguarda, visto che io uso quasi sempre inchiostri Lamy o Pelikan Edelstein, ho scelto proprio quest'ultima soluzione. E devo dire che, anche se pecca dal punto di vista della quantità (molto risicata) di inchiostro che riesce a contenere, questo converter è davvero eccezionale; inoltre, al suo interno sono presenti tre piccole sferette in metallo che facilitano lo scorrimento dell'inchiostro, soprattutto quando si utilizzano quelli troppo "catramosi".


Come mio solito, chiudo questa recensione con la prova di scrittura... perciò, qui sotto, potete vedere due foto con un mio scritto: su mezzo foglio A4 della Pigna, utilizzando la Pilot Prera abbinata all'inchiostro Pelikan Edelstein Sapphire , ho scritto (oltre a realizzare una serie di ghirigori) l'incipit de "Il corso delle cose", il primissimo romanzo di Andrea Camilleri.


Consiglio questa Pilot Prera? Assolutamente sì però, se la vostra calligrafia non è piccolissima come quella del sottoscritto, orientatevi su un pennino M.

[clicca qui per tutte le altre recensioni di stilografiche, inchiostri ed altri strumenti di scrittura]

martedì 12 novembre 2019

[Recensione] Vendetta di sangue

Vendetta di sangue. Le avventure di Hector Cross, vol. 2
di: Wilbur Smith

Titolo originale: Vicious Circle
Formato: Kindle (1563 KB)
Pagine: 510
Editore: Longanesi (31 gennaio 2013)
ASIN: B00AYFGCOO
Data di acquisto: 27 luglio 2018
Letto dal 4 al 12 novembre 2019

----- Sinossi -----
"Conosco una cura migliore della rassegnazione: la rabbia". Hector Cross non è un eroe: è soltanto un uomo. Ma quando un uomo come Hector Cross perde tutto quello che ha, il suo dolore e la sua furia possono essere devastanti. Una mano assassina ha spezzato la vita di Hazel Bannock, la donna che amava e che stava per dargli una figlia. Ora Hector è rimasto solo... E come unica compagna ha un'indomabile sete di vendetta e di giustizia. È il momento di riunire la squadra di un tempo, i membri della Cross Bow Security. È il momento di tornare nella terra del nemico, che sia il deserto dell'Africa nordorientale o la City di Londra. È il momento di combattere qualcuno che Hector credeva di aver sconfitto e che, invece, pare aver rialzato la coda velenosa come uno scorpione. Ma bastano pochi passi nella follia e nella violenza perché Cross capisca che il nemico ha molte facce. Volti nascosti in torbidi segreti di famiglia, che Hazel non ha mai avuto il coraggio di confessargli. Segreti che forse sono legati al Trust della famiglia Bannock, un fondo quasi inesauribile di denaro, un accordo nato a fin di bene ma che rischia di innescare un'incontrollabile spirale di crimine e di ingiustizia. Hector Cross ha una sola certezza: qualcuno è tornato dal passato per colpire lui e tutto ciò che gli è caro. Qualcuno affamato di potere e di denaro, ebbro di violenza e di perversioni, assetato di sangue.

----- L'incipit del libro -----
Si svegliò e rimase un attimo lì, immobile e con gli occhi chiusi, a valutare la situazione. Il suo istinto di guerriero doveva controllare se c'erano pericoli in agguato. Sentì il profumo di lei, il suo respiro leggero e regolare come il rumore delle onde che si frangono sulla spiaggia. Va tutto bene, pensò con un sorriso, e aprì gli occhi. Voltò la testa senza far rumore, per non svegliarla.
Una lama di sole filtrava fra le tende socchiuse disegnando una striscia dorata sul soffitto e su di lei, che giaceva supina con un'espressione serena. Era bellissima, nuda fra le lenzuola. I riccioli biondi sul pube erano lievemente più scuri di quelli che le incorniciavano il viso, i seni erano ingrossati per la gravidanza ormai quasi al termine. La pelle pareva più lucida, da quanto si era tesa per far posto al bambino. Ebbe un piccolo sussulto e lui, pensando alla creatura che si muoveva in quel grembo, si sentì sopraffare dall'amore che provava per la sua donna e per il figlio che stava per nascere.

----- La mia recensione -----
"Conosci il tuo nemico. Studialo a lungo e a fondo, poi colpiscilo con la forza e il veleno di un cobra reale. Così recitava il motto di Hector Cross".
Vendetta di sangue, prosecuzione naturale del bellissimo La legge del deserto, si colloca un gradino sotto rispetto al suo predecessore. Scritto bene ed avvincente ma già dalle prime pagine si capisce cosa stia per succedere e cosa, a seguire, si scatenerà.
Spettacolare comunque l'idea del libro nel libro: Hector Cross, il protagonista dell'intera saga, si trova tra le mani un documento in cui è minuziosamente raccontata la storia della ricchissima famiglia della moglie appena trucidata. Comincia a leggerlo... e noi con lui!
Il rovescio della medaglia è dato dalle scene violente e di sesso: troppo esplicite e macabre le prime, troppo inverosimili le seconde (addirittura il neo vedovo Hector Cross trova subito consolazione "tra le gambe" di un'altra donna).
Wilbur Smith ha scritto decisamente di meglio ma, comunque, nel complesso si tratta di un bel romanzo che vale la pena leggere.
- Voto: (3 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho evidenziato

----------
Gli altri libri di Wilbur Smith da me letti e recensiti:
- Ciclo egizio di Taita: Il Dio del fiume - vol. n. 1 (5 maggio 2015); Il settimo papiro - vol. n. 2 (7 maggio 2015); Figli del Nilo - vol. n. 3 (14 marzo 2015); Alle fonti del Nilo - vol. n. 4 (20 giugno 2015); Il Dio del deserto - vol. n. 5 (3 agosto 2015); L'ultimo faraone. vol. 6 (11 aprile 2017)
- Ciclo di Hector Cross: La legge del deserto (15 novembre 2015)
- Ciclo dei Courteney e dei Ballantyne: Stirpe di uomini (30 marzo 2017); Il trionfo del sole (5 luglio 2017); Grido di guerra (29 settembre 2018); La guerra dei Courtney (22 gennaio 2019)
- altri libri: L'uccello del sole (14 maggio 2015)

domenica 10 novembre 2019

La classifica dei libri più venduti (di domenica 10 novembre 2019)

Questi i libri più venduti della settimana (fonte: "La Lettura", supplemento del Corriere della Sera di domenica 10 novembre 2019):

1. (n) Fabio Volo: Una gran voglia di vivere
2. (3) Isabel Allende: Lungo petalo di mare
3. (n) Benedetta Rossi: In cucina con voi!
4. (5) Stefania Auci: I leoni di Sicilia
5. (n) André Aciman: Cercami
6. (2) Elena Santarelli: Una mamma lo sa
7. (6) Sveva Casati Modignani: Segreti e ipocrisie
8. (n) Sandro Veronesi: Il colibrì
9. (4) Zerocalcare: La scuola di pizze in faccia del professor Calcare
10. (=) Viola Ardone: Il treno dei bambini

[settimana precedente]

Nuovi acquisti e prenotazioni

Questo che sta per concludersi è stato, per il sottoscritto, un week-end di grandi (in senso "economico") acquisti e prenotazioni. Ecco il dettaglio:

- Moreno Burattini: Io e Zagor. La strada verso Darkwood
Formato: Cartaceo
Pagine: 552
Editore: Cut-Up (2 novembre 2019)
ISBN-13: 9788832218107
Prezzo: 17,90 euro
La strada verso Darkwood è la strada verso l'avventura e la fantasia. Il viaggio che porta al mondo incantato di Zagor, lo Spirito con la Scure, è anche un viaggio attraverso la storia, la geografia, le tradizioni, le culture di paesi lontani che però possono servire a capire meglio la nostra realtà e persino noi stessi. Creato da Guido Nolitta (alias Sergio Bonelli) e da Gallieno Ferri nel 1961, il leggendario eroe dalla casacca rossa ha fatto sognare intere generazioni di lettori e ha realizzato il sogno di uno di essi: Moreno Burattini, che fin da bambino voleva scriverne le storie e lo sta facendo da trent'anni. Questo è il racconto di come una passione è diventata una professione. Burattini è di un anno più giovane di Zagor ed ha segnato la sua vita, così come ha lasciato una impronta indelebile in quella di milioni di lettori in Italia e nel mondo. Da trent'anni, l'autore di questo saggio scrive le avventure dello Spirito con la Scure. Così come emozionanti sono le tante storie da lui ideate per permettere alla leggenda dell'eroe di Darkwood di perpetuarsi, così sono affascinanti i mille aneddoti qui narrati in una sorta di autobiografia professionale intrigante come un romanzo. La scrittura di Burattini ci porta dentro la mente di un inventore di trame e personaggi, ci mostra il dietro le quinte della nascita di un racconto disegnato, ci spalanca le porte del mondo degli autori e dei loro fans, ci propone il ritratto di grandi figure della storia del fumetto italiano. Ma, soprattutto, ci permette di assistere, passo dopo passo, al realizzarsi del sogno di un ragazzino, che voleva fabbricare favole e ci è riuscito.

- Moreno Burattini: Io sono Cico
Formato: cartonato
Pagine: 448
Editore: Sergio Bonelli (prenotato; uscita prevista per gennaio 2020)
ISBN-13: 978-8869614699
Prezzo: 25,50 euro
Dopo il successo di Io sono Zagor, che vedeva lo Spirito con la Scure raccontarsi ai lettori alternando la prosa al fumetto, tocca ora a Cico, spalla comica ed eterno compagno di avventure dell'eroe di Darkwood, essere protagonista di un volume che lo ritrae "a tutto tondo". Un corposo libro cartonato a colori, curato da Moreno Burattini, propone una raccolta delle più celebri gag comiche con protagonista il simpatico messicano, in un percorso sospeso tra la pagina scritta e quella disegnata, che svelerà tutti i segreti di uno dei comprimari più amati della storia del fumetto italiano. Un volume scoppiettante, tutto da ridere, ma anche una nuova immersione nello sconfinato universo narrativo creato da Guido Nolitta, pseudonimo di Sergio Bonelli, e da Gallieno Ferri.

- Anna Linda Callow: La lingua che visse due volte. Fascino e avventure dell'ebraico
Formato: Kindle (744 KB)
Pagine: 157
Editore: Garzanti (11 aprile 2019)
ASIN: B07PYXCXYK
Prezzo: 2,99 euro
Attraverso le sorprendenti peripezie di una lingua, un viaggio nella storia e nella letteratura di una cultura millenaria. Nella Bibbia il Dio della Genesi crea la luce e ordina il cosmo parlando ebraico, e all'ebraico ricorre Adamo per dare un nome a tutti gli esseri viventi. L'ebraico è il più antico idioma al mondo a essere utilizzato in maniera pressoché identica da millenni, e attraverso liturgie e traduzioni è penetrato in molti lessici europei, italiano compreso: oggi è la lingua ufficiale di uno stato (Israele) e quella di una religione. Ma la sua vicenda è stata tutt'altro che lineare: per molti secoli è rimasto sostanzialmente una lingua morta, coltivata da rabbini e intellettuali ma soppiantata nei contesti profani dalle innumerevoli parlate della diaspora ebraica, dallo yiddish al ladino. Solo complesse circostanze storiche, identitarie e politiche l'hanno riportata in vita, facendone un organismo vivo e fecondo. Anna Linda Callow racconta questa avventurosa epopea con la conoscenza della studiosa e il gusto dell'esploratrice: ci inizia alla lettura di un alfabeto affascinante e misterioso, ci fa scoprire vicende epiche come quella di Eliezer Ben Yehuda, che compilò un monumentale dizionario e allevò il primo bambino ebraicofono dalla nascita dopo secoli, ci conduce per mano attraverso splendide pagine di letteratura, e ci fa viaggiare nel tempo e nello spazio immergendoci in una cultura in cui tutti noi affondiamo le radici.

- Roberto Finzi: Breve storia della questione antisemita
Formato: Kindle (883 KB)
Pagine: 240
Editore: Bompiani (23 gennaio 2019)
ASIN: B07M7X2SLQ
Prezzo: 1,99 euro
Dai pogrom in Russia al caso Dreyfus, dall'idea di un "complotto sionista" ai lager nazisti, il XX secolo ha registrato un agghiacciante salto di qualità nella violenza degli attacchi. Proprio quando l'integrazione nelle società contemporanee sembrava un fatto acquisito, l'antiebraismo di matrice religiosa ha ceduto il passo all'antisemitismo fondato su presunte basi razzistiche. Finzi ci conduce alla scoperta di questo male oscuro strisciante nella storia dell'umanità, di cui l'antisemitismo moderno è solo una parte della vicenda. "Conoscere la punta dell'iceberg può essere utile a far cogliere a ognuno di noi, nella società e in noi stessi, pure gli elementi che ne compongono il grande corpo immerso. E anche a far riflettere sulla paura del da noi diverso che pervade le società persino in questo inizio del terzo millennio, meraviglioso per le straordinarie innovazioni tecniche ma ancora impregnato di una moltitudine di antichi, radicati pregiudizi".

- Angela Marsons: Le verità sepolte
Formato: Kindle (624 KB)
Pagine: 421
Editore: Newton Compton Editori (4 novembre 2019)
ASIN: B07VGBWRGM
Prezzo: 4,99 euro
Quando, durante uno scavo archeologico, vengono rinvenute alcune ossa umane, uno sperduto campo della black country si trasforma improvvisamente nella complessa scena di un crimine per la detective Kim Stone. Non appena le ossa vengono esaminate diventa chiaro che i resti appartengono a più di una vittima. E testimoniano un orrore inimmaginabile: ci sono tracce di fori di proiettile e persino di tagliole da caccia. Costretta a lavorare fianco a fianco con il detective Travis, con il quale condivide un passato che preferirebbe dimenticare, Kim comincia a investigare sulle famiglie proprietarie e affittuarie dei terreni del ritrovamento. E così, mentre si immerge in una delle indagini più complicate mai condotte, la sua squadra deve fare i conti con un'ondata di odio e violenza improvvisa. Kim intende scoprire la verità, ma quando la vita di una sua agente viene messa a rischio, dovrà capire come chiudere al più presto il caso, prima che sia troppo tardi.

- Joe Hill (a cura di): A tutto gas
Formato: Kindle (955 KB)
Pagine: 561
Editore: Sperling & Kupfer (15 ottobre 2019)
ASIN: B07YNFRP8H
Prezzo: 10,99 euro
Un inseguimento a tutto gas tra una banda di bikers e un camionista pazzo che si trasforma in una danza macabra nel deserto del Nevada; fratello e sorella che si addentrano in un campo di erba alta attirati dalle grida disperate di un bambino; una porticina che conduce in un mondo dove gli echi delle fiabe si tingono di sangue: la paura ha tanti volti in questa raccolta di racconti firmata da Joe Hill, e leggerli è come spingersi in una galleria degli orrori che ci terrorizza ma ci trascina dentro in maniera altrettanto irresistibile. Ipnotiche e inquietanti, queste tredici storie scavano nelle nostre fragilità nascoste, nei segreti che ci tormentano, nelle paure più profonde. Sono incubi che affondano le radici nella vita reale per assumere spesso connotati fantastici o soprannaturali; sono tredici imperdibili tappe di una odissea dark nei meandri più oscuri della mente umana. Una speciale antologia che dimostra (come se ce ne fosse ancora bisogno) il talento indiscusso di Joe Hill, tra storie totalmente inedite e altre già edite - due delle quali scritte a quattro mani con Stephen King: A tutto gas (Bikers) e Nell'erba alta. A quest'ultima è anche ispirato l'omonimo film prodotto da Netflix.

- Zagor, Collana Scure, striscia n. 1 (di 6): I mondi della solitudine
Pagine: 66
Editore: Sergio Bonelli Editore (7 novembre 2019)
Prezzo: 2,50 euro
Soggetto e sceneggiatura: Jacopo Rauch
Disegni e copertina: Raffaele Della Monica
Nei pressi del Solitude Peak, in una zona che i pellerossa ritengono infestata dagli spiriti maligni, Zagor e Cico stanno indagando sulla misteriosa scomparsa di alcune persone. Lì si uniscono a un drappello di militari quando viene assalito da un gruppo di banditi deciso a liberare un loro complice, che i soldati stanno scortando in carcere. Ben presto, però, tutti capiscono che c'è una minaccia che incombe su tutti... quella di inquietanti presenze annunciate da sinistre luci baluginanti nel buio!

- Dylan Dog e Batman. Heroes cover
Pagine: 32
Editore: Sergio Bonelli Editore (30 ottobre 2019)
Prezzo: 3,50 euro
Soggetto e sceneggiatura: Roberto Recchioni
Disegni: Werther Dell'Edera e Gigi Cavenago
Colori: Gigi Cavenago
Per prepararvi al crossover tra Sergio Bonelli Editore e DC Comics, eccovi una "storia di origini" che racconta come il destino di Batman e Dylan Dog si sia già incrociato nel passato, ponendo le basi di quanto accadrà in futuro. Una storia disegnata da Werther Dell'Edera e Gigi Cavenago, su testi di Roberto Recchioni.

martedì 5 novembre 2019

Zagor, albo n. 703: La formula della morte

Zagor, albo n. 703: La formula della morte

Corrispondente a Zagor Gigante n. 652
Data di uscita: 2 novembre 2019
Pagine: 100
Soggetto: Vittorio Sossi
Sceneggiatura: Mirko Perniola
Disegni: Alessandro Chiarolla
Copertina: Alessandro Piccinelli
Prezzo di copertina: 3,90 euro

L'ingegnere Joss Beaumont, creduto morto in un disastro minerario che ha provocato la morte di decine di operai nella miniera di Keating, in realtà è sopravvissuto. Beaumont ha scoperto che le vittime sono in gran parte da addebitarsi al proprietario dell'impianto di estrazione, il bieco Milton Miller, il quale ha sigillato le aperture degli scavi per impedire all'incendio di bruciare il carbone, fonte della sua ricchezza. Da qui, il suo desiderio di vendetta che si concretizza in una serie di attentati esplosivi e incendiari ai danni di collaboratori della compagnia mineraria e di alcune strutture logistiche. Esperto di sostanze chimiche qual è, Beaumont ha progettato la formula della "beaumontite", un micidiale esplosivo. Lo sceriffo Baker, marshall di Coalbridge, la cittadina che ospita la sede della compagnia di Miller dopo l'abbandono di Keating, divenuta una città fantasma, ha chiesto l'aiuto di Zagor per catturare l'attentatore, di cui ignora l'identità, anche perché si copre il volto con una inquietante maschera. Milton Miller non collabora con le indagini, preoccupato che qualcuno scopra i suoi tanti loschi affari e anche le sue responsabilità nella catastrofe di Keating. Spencer, suo fratello, invece fornisce allo Spirito con la Scure tutte le informazioni di cui dispone, nella speranza che l'attentatore venga catturato prima che fra le vittime finiscano lui stesso e Mary, figlia di Milton. Mister Miller, intanto, dà ordine ai suoi uomini di eliminare Baker e Zagor prima che scoprano qualcosa. In effetti Zagor scopre che Beaumont vuol far saltare una diga che fa funzionare, con la pressione dell'acqua, una segheria utile a Miller per le sue attività. Il braccio destro di Miller, O'Connor, intanto trama per derubare il suo stesso capo, sottraendo le paghe destinate ai minatori.

domenica 3 novembre 2019

[Recensione] Il grande romanzo dei Vangeli

Il grande romanzo dei Vangeli
di: Corrado Augias e Giovanni Filoramo

Formato: copertina rigida
Pagine: 260
Editore: Einaudi (3 settembre 2019)
ISBN-13: 978-8806232801
Data di acquisto: 25 settembre 2019
Letto dal 19 ottobre al 3 novembre 2019

----- Sinossi -----
Se un viaggiatore venuto da molto lontano cominciasse a sfogliare le pagine dei Vangeli totalmente ignaro della loro origine e di ogni possibile implicazione teologica, che cosa leggerebbe? In buona sostanza quattro versioni in parte (ma non del tutto) simili della tragica vicenda di un predicatore che, avendo sfidato il potere della Chiesa e dello Stato, viene processato e condannato a morte. Ma c'è un altro elemento che colpirebbe il nostro ipotetico lettore: la folla di personaggi in cui il protagonista s'imbatte, o da cui è accompagnato, nel corso della sua breve esistenza. Il nostro ipotetico lettore sarebbe colpito dalla diversità delle reazioni, dall'odio implacabile allo smisurato amore. Noterebbe le turbe, il popolo, una folla indistinta, poveramente vestita, rassegnata o crudele, fatta di pescatori, operai dei campi e delle vigne, pastori, in genere illetterati, alcuni gravemente malati, tutti fiduciosi nella storia del loro popolo e nell'aiuto costante del loro Dio. Dallo stupore per questa umanità, dalla meraviglia per queste straordinarie presenze umane, è partito Corrado Augias a colloquio con uno dei maggiori storici del cristianesimo, Giovanni Filoramo. Augias "stringe l'inquadratura" sugli uomini e le donne che appaiono nei Vangeli. Ne esamina le vite narrate dagli evangelisti ma anche i segreti taciuti, le origini o i destini. A cominciare dalla madre del giustiziato, ad esempio, figura che dovrebbe avere carattere centrale e che - stranamente - risulta, invece, appena abbozzata, presenza sfuggente caratterizzata da rapporti spesso aspri con suo figlio. O il padre (adottivo?), piccolo imprenditore edile, più che semplice falegname, perennemente muto di fronte alle straordinarie vicende che il destino gli ha riservato. O le figure enigmatiche e sfaccettate di Giuda e della Maddalena. Con questo libro, Augias e Filoramo riescono in un'impresa difficile: narrarci in maniera sorprendentemente nuova una storia che pensavamo di conoscere.

----- L'incipit del libro -----
Jorge Luis Borges ha lasciato, tra le tante, questa sorprendente osservazione: i testi sacri sono un ramo della letteratura fantastica. Parole che alla luce della teologia possono sembrare riduttive se non blasfeme. Invece, in quel richiamo alla letteratura potrebbe esserci un'intuizione che si può tentare di cogliere aggiungendovi un celebre aforisma di Umberto Eco: su ciò di cui non si può teorizzare, si deve narrare.
I personaggi delle Scritture ci vengono incontro irrigiditi dalla loro funzione, non uomini e donne ma simboli, figure piene di fascino che però si presentano con la fissità delle statue. Viene da chiedersi se non sia possibile raccontarli come se fossero protagonisti d'un dramma o d'un romanzo, fatti come ciascuno di noi di carne e di sangue, ma completati, come ogni personaggio della letteratura, da un plausibile rivestimento fantastico.

----- La mia recensione -----
"Le teologie sono geniali costruzioni umane, meccanismi che si reggono spesso su prodigiosi equilibri; ma in ogni teoria filosofica o elaborazione teologica è sempre possibile, scrutandole in ogni loro passaggio, individuare una lacuna logica o una giuntura debole".
Corrado Augias è uno dei miei autori preferiti; divoro (letteralmente) tutti i suoi libri, i suoi articoli sui giornali e le sue trasmissioni TV... ma questo libro, lo confesso, ho fatto una immane faticaccia per poterlo finire! Per carità, il libro è interessantissimo e l'argomento mi ha sempre appassionato; ma è la sua impostazione di base che non mi ha proprio "catturato": non mi sono mai piaciuti i saggi scritti sotto forma domande e risposte come se si stesse leggendo il testo di un discorso tra due persone. Guarda caso, ho avuto la stessa impressione anche con Disputa su Dio e dintorni, altro saggio di Corrado Augias e Vito Mancuso, anche questo scritto come se si trattasse di un dibattito (Augias chiedeva e Mancuso forniva le delucidazioni).
Voto: (2 su 5)

----------
Gli altri libri di Corrado Augias che ho letto e recensito:
- 18 agosto 2018: Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone
- 14 aprile 2018: I segreti d'Italia. Storie, luoghi, personaggi nel romanzo di una nazione
- 2 maggio 2017: Inchiesta su Maria. La storia vera della fanciulla che divenne mito
- 2 agosto 2016: Inchiesta sul Cristianesimo. Come si costruisce una religione
- 5 febbraio 2016: Disputa su Dio e dintorni
- 5 gennaio 2016: Le ultime diciotto ore di Gesù
- 7 dicembre 2015: Inchiesta su Gesù. Chi era l'uomo che ha cambiato il mondo
- 14 novembre 2015: I segreti del Vaticano. Storie, luoghi, personaggi di un potere millenario

La classifica dei libri più venduti (di domenica 3 novembre 2019)

Questi i libri più venduti della settimana (fonte: "La Lettura", supplemento del Corriere della Sera di domenica 3 novembre 2019):

1. (n) Fabio Volo: Una gran voglia di vivere
2. (n) Elena Santarelli: Una mamma lo sa
3. (n) Isabel Allende: Lungo petalo di mare
4. (n) Zerocalcare: La scuola di pizze in faccia del professor Calcare
5. (2) Stefania Auci: I leoni di Sicilia
6. (1) Sveva Casati Modignani: Segreti e ipocrisie
7. (n) Alessia Gazzola: Questione di Costanza
8. (4) C. Augias e G. Filoramo: Il grande romanzo dei Vangeli
9. (n) Gianluigi Nuzzi: Giudizio universale
10. (6) Viola Ardone: Il treno dei bambini

[precedente classifica]

venerdì 1 novembre 2019

Libri (e fumetti) letti nel mese di ottobre ... e quelli da leggere a novembre!


I libri (ed i fumetti) che ho letto e recensito ad ottobre 2019:
- 30: Zagor. Le origini, albo n. 6: L'eroe di Darkwood
- 19: Alan Friedman - Questa non è l'Italia. Storie segrete e verità shock dietro il nuovo volto del nostro Paese
- 19: Zagor Classic, albo n. 8: L'impronta misteriosa
- 12: Robert Dugoni - La ragazza in trappola (Tracy Crosswhite, vol. 4)
- 6: Zagor, albo n. 702: L'incendiario
- 3: Stephen King - L'istituto
- 3: Maxi Zagor, albo n. 37: I racconti di Darkwood - I tamburi della foresta
- 1: Zagor. Le origini, albo n 5: La grotta sacra

Ed i libri in lettura per novembre (ma non necessariamente in quest'ordine... e non è neanche detto che siano questi):
- Corrado Augias e Giovanni Filoramo - Il grande romanzo dei Vangeli [già in lettura]
- Wilbur Smith - Vendetta di sangue
- Claire Douglas - La vacanza ideale
- Leonardo Sciascia - Il giorno della civetta
- Stephen King - Shivers