venerdì 5 giugno 2020

Iniziamo la saga del Faraone...


Ebbene sì, ho deciso di iniziare questa nuova saga: quella del faraone Ramses, attraverso i cinque romanzi dello scrittore ed egittologo francese Christian Jacq. Ho già recuperato i primi due volumi (nelle primissime edizioni Mondadori del 1997):

----- Il figlio della luce. Il romanzo di Ramses, vol. 1
Formato: copertina flassibile
Pagine: 409
Editore: Mondadori (prima edizione dell'8 aprile 1997)
ISBN-10: 8804430303
Prezzo di acquisto: 3 euro (acquistato come usato ma in buono stato)
Prima puntata della saga di Ramses, l'avvenimento letterario dell'anno, una serie che ha venduto oltre tre milioni di copie. La storia del grandissimo faraone, il "figlio della luce", che portò all'apogeo la gloria del suo paese e ne diffuse la sapienza. Christian Jacq, esperto di egittologia, trasferisce nelle storie costruite attorno a personaggi realmente vissuti, le scoperte venute alla luce con gli studi più recenti.

----- La dimora millenaria. Il romanzo di Ramses, vol. 2
Formato: copertina flessibile
Pagine: 400
Editore: Mondadori (prima edizione dell'1 giugno 1997)
ISBN-10: 88-04432470
Prezzo di acquisto: 3 euro (acquistato come usato ma in ottimo stato)
Siamo agli albori di quello che sarebbe divenuto forse il regno più luminoso di tutta la millenaria storia egiziana. Sethi I aveva ormai associato il figlio Ramses al trono del "Regno delle due terre" perché, dopo il superamento di varie prove, gli era sembrato che gli dei avessero previsto per lui un futuro assai luminoso. La crescita spirituale del giovane principe non era però ancora certamente giunta ad una piena conclusione. Nemmeno dopo la morte del padre e la sua susseguente ascesa al trono il ragazzo sembrava essere ancora del tutto maturo. Molti erano i nemici da cui guardarsi e pochi i fedeli servitori dell'Egitto su cui contare veramente. In primis bisognava preoccuparsi della infida, ma potentissima, aristocrazia tebana, poi della gelosia dei fratelli del Faraone per un destino che non ritenevano giusto e infine del nemico più pericoloso, l'astuta casta sacerdotale che aveva in Karnak il suo centro di potere...

Nessun commento:

Posta un commento