lunedì 15 giugno 2020

[Recensione] Ramses. Il figlio della luce

Il figlio della luce. Il romanzo di Ramses, vol. 1
di: Christian Jacq

Formato: copertina flassibile
Pagine: 409
Editore: Mondadori (prima edizione dell'8 aprile 1997)
ISBN-10: 8804430303
Data di acquisto: 5 giugno 2020
Letto dal 9 al 15 giugno 2020

----- Sinossi -----
Prima puntata della saga di Ramses, l'avvenimento letterario dell'anno, una serie che ha venduto oltre tre milioni di copie. La storia del grandissimo faraone, il "figlio della luce", che portò all'apogeo la gloria del suo paese e ne diffuse la sapienza. Christian Jacq, esperto di egittologia, trasferisce nelle storie costruite attorno a personaggi realmente vissuti, le scoperte venute alla luce con gli studi più recenti.

----- L'incipit del libro -----
Il toro selvaggio, immobile, fissava il giovane Ramses.
Una bestia mostruosa: zampe grosse come pilastri, lunghe orecchie pendule, una barba dura sulla mandibola inferiore, il mantello bruno e nero. E aveva avvertito la presenza del giovane.
Ramses era affascinato dalle corna del toro, ravvicinate e rigonfie alla base per poi piegarsi all'indietro e quindi volgersi all'insù, sì da formare una sorta di casco concluso da punte acuminate, capaci di squarciare la carne di qualsiasi avversario.
L'adolescente non aveva mai visto un toro tanto enorme.
L'animale apparteneva a una razza temibile, che anche i migliori cacciatori esitavano a sfidare; pacifico nel suo clan, pronto a soccorrere i suoi simili feriti o malati, premuroso nell'educazione dei piccoli, il maschio si trasformava in tremendo guerriero quando se ne turbava la quiete. Infuriato dalla minima provocazione, caricava a velocità stupefacente e non si rabboniva se non dopo aver schiantato l'avversario.
Ramses arretrò d'un passo.

----- La mia recensione -----
"Un uomo vero si spinge fino al limite delle sue forze, un Re va oltre".
Primo volume (di cinque) sulla saga di Ramses, il più grande Faraone dell'Antico Egitto. Questo primo capitolo è incentrato sulla sua infanzia, adolescenza e, soprattutto, crescita spirituale sotto la guida del padre, il potente faraone Sethi I. Inoltre, faremo la conoscenza di tutta una sequela di personaggi... tra cui Mosè, uno dei migliori amici del piccolo protagonista.
Abbastanza interessanti i tratti storici e religiosi sull'Egitto faraonico ed i suoi risvolti sulle civiltà che lo circondavano. Si capisce benissimo che è stato scritto da un intenditore e studioso dell'Antico Egitto.
Il romanzo, molto interessante e scorrevole, è coinvolgente... merito anche di un ritmo sempre bello alto. Tuttavia, è una lettura leggera e senza grosse pretese e, per giunta, con un protagonista a volte davvero ingenuo (ma teniamo conto che stiamo parlando di un Ramses ancora fanciullo).
- Voto: (3 di 5)

Nessun commento:

Posta un commento