sabato 8 settembre 2018

Le copertine degli albi di Zagor del 1976 e 1977

----- Zagor, albo n. 126: Agli ordini dello Zar -----
Data di uscita: gennaio 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Alcuni uomini, guidati dal colonnello Potosky, cercano il conte Boris e il principe Alexis, due esuli fuggiti dalla colonia russa di Novograd, in Alaska: si dichiarano inviati dallo zar. Il principe diventerà il reggente della colonia al posto dell'usurpatore Tarassenko. Il trapper Rochas accetta di guidare Potosky e i suoi nel luogo in cui si sarebbe rifugiato Alexis. Ma, pochi giorni dopo, arrivano altri russi dicendo che Potosky e suoi sono, in realtà, sicari di Tarassenko...

----- Zagor, albo n. 127: La fossa della morte -----
Data di uscita: febbraio 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor scopre che Korsakoff e i suoi sono semplici banditi, smaniosi di impossessarsi della favolosa corona di Novograd, in mano ad Alexis. Ma c'è un'altra rivelazione, ancora più sorprendente: il conte Boris e il principe Alexis sono vivi e il primo ha fondato Borisgrad, una città in stile russo nel cuore di Darkwood, con tanto di Cosacchi del Don...

----- Zagor, albo n. 128: La fine di un tiranno -----
Data di uscita: marzo 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
È guerra aperta tra Zagor e il conte Boris, mentre i trapper di Doc e i Mohawk di Tonka assediano la cittadella russa. Lo Spirito con la Scure trova anche un inaspettato alleato all'interno di Borisgrad. Il conte Boris e i suoi uomini hanno le ore contate, ma il vecchio tiranno ha ancora un asso nella manica...

----- Zagor, albo n. 129: Follia omicida -----
Data di uscita: aprile 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Si chiama Johnny Boia ed è un pistolero nerovestito e cattivissimo. O quasi... In realtà, è il nuovo, improbabile travestimento di Bat Batterton. Il suo attuale cliente è l'archeologo George Mac Leod, che si sta recando dai suoi amici Jim e Margie Coleman, proprietari di un ranch a Stone-Hill, nel Vermont. Vicino alla loro fattoria si erge un dolmen, un'antica costruzione celtica, prova evidente che i Celti sono sbarcati in America prima di Colombo.

----- Zagor, albo n. 130: Il fantasma di Stone-Hill -----
Data di uscita: maggio 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Zagor cattura Samuel Toby, un pericoloso serial killer che si era aggregato alla spedizione di George Mac Leod. Ma, prima di essere arrestato, Toby ferisce Cico, e così anche Zagor e il suo amico devono accettare l'ospitalità dei Coleman e andare a Stone-Hill dove, fra le rovine di origine celtica, viene ritrovato un antico sepolcro. Fra gli uomini di Coleman c'è anche "Digging" Bill, che convince Cico e Bat Batterton ad aprire una misterioso sarcofago di cristallo, pieno di gioielli, dentro al quale riposa un inquietante cadavere perfettamente conservato...

----- Zagor, albo n. 131: Kandrax il mago -----
Data di uscita: giugno 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Cico, Batterton e "Digging" Bill hanno involontariamente riportato in vita Kandrax, un druido che aveva guidato una spedizione di Celti in America e che, sentendo prossima la morte, si era fatto seppellire in una teca di cristallo. Il sanguinario sacerdote redivivo imputa alla gente di Stone-Hill la sparizione dei Celti, e li vuole massacrare, per far rinascere la loro antica civiltà...

----- Zagor, albo n. 132: La sesta luna -----
Data di uscita: luglio 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Kandrax, con i suoi poteri ipnotici, ha soggiogato Willie Howell e Tony Lancaster, due collaboratori di Mac Leod, nonché l'indiano Musky-Han, che ha scatenato i suoi Wampanoag contro Zagor e i suoi amici. Il druido è così riuscito a rapire Margie: la vuole sacrificare ai suoi dei, quando la luna sarà salita per la sesta volta nel cielo...

----- Zagor, albo n. 133: Sandy River -----
Data di uscita: agosto 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Gallieno Ferri/Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Cico si mette nuovamente in società con Trampy: i due organizzano un'agenzia per cuori solitari (con Cico vestito da Cupido!), che, come al solito, finisce in maniera fallimentare. Ma c'è poco da scherzare: il maggiore Raskin, per liberare Cinzia Bradmayer, una ragazza bianca rapita dagli indiani Sauk, scatena i soldati contro i pellerossa. E scoppia una guerra indiana... In questo numero: a pag. 28, si conclude l'avventura precedente (di Nolitta/Ferri); da pag. 29 a pag. 98, "Sandy River" (di Nolitta/Donatelli).

----- Zagor, albo n. 134: Spedizione punitiva -----
Data di uscita: settembre 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor e Cico vanno a Fort Safety, sperando di dissuadere il maggiore Raskin dalla sua campagna anti-indiana. Al forte incontrano il sergente Hackman, un vecchio amico di Zagor, stanco di obbedire agli ordini di Raskin. Zagor decide di fare da guida alla spedizione punitiva contro i Sauk, per cercare di evitare il peggio. Ma gli indiani sono più numerosi del previsto, e Hackman viene rapito...

----- Zagor, albo n. 135: Il palo della tortura -----
Data di uscita: ottobre 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor penetra nel campo dei Sauk, per liberare l'amico Hackman. Incontra Cinzia Bradmayer e scopre che non è affatto prigioniera degli indiani: anzi, è la moglie di Wanattah e ha avuto un figlio da lui. È una di loro, ormai. Ma i soldati di Raskin sconfiggono i Sauk e attaccano il villaggio, portando la morte...

----- Zagor, albo n. 136: Tigre! -----
Data di uscita: novembre 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli/Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri
Gli indiani Cheraw sono tormentati da misteriose belve che si cibano di carne umana. Zagor partecipa a una battuta di caccia al misterioso animale e scopre che si tratta di due tigri, scappate dalla gabbia di Harry Kellog, un ricco proprietario terriero della zona, che si è trasferito in America dopo aver vissuto molti anni in India. Ma le uccisioni di indiani continuano, anche dopo la morte delle due tigri... In questo numero: a pag. 25, si conclude l'avventura precedente (di Nolitta/Donatelli); da pag. 26 a pag. 98, "Tigre!" (di Nolitta/Ferri).

----- Zagor, albo n. 137: Dharma la strega -----
Data di uscita: dicembre 1976
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
La belva sanguinaria che ha provocato tante morti non è una tigre. È Wilfred Kellog, il fratello minore di Harry, trasformato in un mostruoso uomo dalla testa di felino. Kellog vuole operarlo, trapiantando su di lui gli organi di un giovane indiano, nella speranza di farlo tornare umano. E, intanto, racconta a Zagor e Cico la sua incredibile storia...

----- Zagor, albo n. 138: L'orrenda strega -----
Data di uscita: gennaio 1977
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Wilfred Kellog, anni prima, aveva ucciso una delle tigri bianche della regione di Orissa, in India, che vivevano soltanto nelle terre del rajah Kubal Singh, e la cui caccia era proibita. Il rajah, per punirlo, l'aveva fatto sottoporre a strani riti da una vecchia strega, Dharma. E il 7 luglio, giorno sacro al dio indiano Jagannath, era diventato un uomo-tigre. Ma, mentre Harry Kellog sta parlando, il suo mostruoso fratello si libera...

----- Zagor, albo n. 139: Il cavaliere misterioso -----
Data di uscita: febbraio 1977
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta-Decio Canzio
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
Don Chisciotte Escobar è uno strambo individuo, discendente da Don Chisciotte, il personaggio reso celebre dal romanzo di Cervantes: deciso a riabilitare il nome del suo avo, è venuto nel Nuovo Mondo per compiere memorabili imprese. Nella cittadina di Batesville, incontra Cico, che, secondo lui, è la reincarnazione di Sancio Panza, lo scudiero di Don Chisciotte. Il messicano accetta di seguirlo, ma i due si mettono subito nei guai...

----- Zagor, albo n. 140: Pericolo biondo -----
Data di uscita: marzo 1977
Soggetto e sceneggiatura: Decio Canzio
Disegni: Franco Donatelli-Francesco Gamba
Copertina: Gallieno Ferri
Si chiama Blondie. È una spietata e affascinante fuorilegge e Don Chisciotte la scambia per la reincarnazione di Dulcinea del Toboso, la donna amata dal suo antenato. Lui e Cico l'aiutano a sottrarsi alla cattura da parte di uno sceriffo. Zagor allora deve portare in prigione Blondie, altrimenti il panciuto messicano e lo strambo spagnolo saranno imputati di favoreggiamento...

----- Zagor, albo n. 141: I due ostaggi -----
Data di uscita: aprile 1977
Soggetto e sceneggiatura: Decio Canzio/Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli-Francesco Gamba/Pini Segna
Copertina: Gallieno Ferri
Cico e Don Chisciotte sono di nuovo in pericolo. Lo spagnolo ha ucciso il corvo della sciamana dei Crow, e gli indiani li hanno appesi al palo della tortura. Per fortuna, arriva Zagor che però, stavolta, userà l'intelligenza e non la forza, per liberare i due sconsiderati... In questo numero: a pag. 59, si conclude l'avventura precedente (di Nolitta-Canzio/Donatelli-Gamba); da pag. 60, "La Macchia Verde" (di Nolitta/Pini Segna).

----- Zagor, albo n. 142: I cannibali di Green Spot -----
Data di uscita: maggio 1977
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Pini Segna
Copertina: Gallieno Ferri
A Forte Overset, in Georgia, Zagor e Cico incontrano il colonnello Watford e il feroce cacciatore Jordan, che li informano di un avvenimento insolito. Alcuni ex schiavi sono fuggiti dai campi di cotone e si sono rifugiati nel territorio di Green Spot, che ha un clima simile a quello dell'Africa equatoriale. Li guida un feroce leader: Masai Killer.

----- Zagor, albo n. 143: Masai Killer
Data di uscita: giugno 1977
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Pini Segna
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor uccide in duello Masai Killer e cerca di mediare tra gli ex schiavi di Green Spot (che vogliono soltanto vivere in pace ) e l'esercito. Ma il razzista Jordan (che detesta i neri e vuole il loro sterminio) elimina lo Spirito con la Scure e spinge i militari ad attaccare il villaggio...

----- Zagor, albo n. 144: Il Signore dei Serpenti -----
Data di uscita: luglio 1977
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta/Decio Canzio
Disegni: Pini Segna/Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor sembra ormai spacciato. Jordan lo ha gettato in un burrone pieno di serpenti velenosi. Ma, all'improvviso, appare un misterioso personaggio, il Signore dei Serpenti, che gli salva la vita. Grazie a lui (esiliato dalla tribù perché lebbroso), il Re di Darkwood recupererà le sue forze e potrà cercare di far scontare a Jordan i suoi crimini... In questo numero: a pag. 52, si conclude l'avventura precedente (di Nolitta/Pini Segna); da pag. 53 a pag. 98, "Incontro nella foresta" (di Canzio/Ferri).

----- Zagor, albo n. 145: Pugni e pepite -----
Data di uscita: agosto 1977
Soggetto e sceneggiatura: Decio Canzio
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Fra i trapper di Darkwood serpeggia la febbre dell'oro: al Goose Creek è stato, infatti, appena scoperto una ricco filone aurifero e tutti i cacciatori di pellicce (inclusi Doc e Chapman) hanno deciso di approfittarne. Poiché anche Cico si è messo in testa di emularli, Zagor lo segue al Goose Creek, dove incontra tre vecchie conoscenze: i saltimbanchi Sullivan, che hanno un nuovo collaboratore, l'egiziano Durga, e hanno trovato una cospicua vena d'oro. Alla quale è però interessato il losco Wallace...

----- Zagor, albo n. 146: Zagor si scatena -----
Data di uscita: settembre 1977
Soggetto e sceneggiatura: Decio Canzio
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
Per Tobia Sullivan sembra una situazione senza via d'uscita: è ingiustamente accusato di aver rapinato la banca di Wallace, e le prove a suo carico sono schiaccianti. È condannato a morte, ma Zagor lo fa fuggire. Si tratta di un complotto di Wallace per farlo incriminare o c'è un'altra, sorprendente spiegazione?

----- Zagor, albo n. 147: La minaccia verde -----
Data di uscita: ottobre 1977
Soggetto e sceneggiatura: Alfredo Castelli
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri
L'imbroglione Mister Honest vende a Cico la (falsa) mappa del tesoro di Eldorado. Cico, accompagnato da un riluttante Zagor, crede di poterlo trovare sulle Corna del Diavolo, due picchi rocciosi vicino a Dead Horse Town. Dentro una grotta, i nostri amici trovano una misteriosa pianta che comunica immediatamente a Zagor un'intensa sensazione di pericolo...

----- Zagor, albo n. 148:La prova del fuoco -----
Data di uscita: novembre 1977
Soggetto e sceneggiatura: Alfredo Castelli/Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli/Giancarlo Tenenti-Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri
Zagor e Cico arrivano a Fort Bravery, un avamposto militare che ospita anche le famiglie degli ufficiali e che è comandato dal colonnello Maddenbrook, il cui figlio Walter è appena uscito dall'accademia militare di West Point con il grado di tenente. Walter, però, non ama la carriera militare, che è una tradizione di famiglia, e vorrebbe lasciare l'esercito. Tuttavia, per non far soffrire il padre, accetta di guidare la spedizione contro gli indiani Shawnee. Ma... In questo numero: a pag. 54, si conclude l'avventura precedente (di Castelli/Donatelli); da pag. 55 a pag. 98, "La prova del fuoco" (di Nolitta/Tenenti-Ferri).

----- Zagor, albo n. 149: Guerriero rosso -----
Data di uscita: dicembre 1977
Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni e copertina: Gallieno Ferri
I soldati guidati da Walter Maddenbrook sono pesantemente sconfitti dagli Shawnee che, per giunta, riescono a impossessarsi della bandiera del reggimento. Il sergente Morris accusa Walter di viltà, per essersi rifiutato di riprendere il vessillo. Il giovane viene così messo agli arresti. Ma Zagor non pensa che Walter sia un codardo e nottetempo lo fa fuggire di prigione. Insieme, i due andranno a recuperare la bandiera...

Nessun commento:

Posta un commento