venerdì 3 luglio 2020

National Geographic Italia - luglio 2020

National Geographic Italia - luglio 2020

Vol. 46 - N. 1 (n. 270 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: Il monte Everest e altre vette innevate dell'Himalaya brillano sotto un cielo stellato in Nepal. Foto di William Fawcett

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): Fascino irresistibile. Sono passati 11 anni. Era una giornata uggiosa di fine luglio quando l'aereo che da Lhasa, in Tibet, doveva riportarmi in Nepal, bucò le nuvole scoprendo all'improvviso, illuminata dal sole in tutta la sua imponenza, la Parete Nord dell'Everest. Decine di occhi si sono incollati ai finestrini tra gridolini di emozione, per allontanarsene soltanto quando quella visione è scomparsa. Sagarmatha in sanscrito, letteralmente "testa del cielo", fu ufficialmente riconosciuto come il monte più alto del mondo a metà dell'Ottocento da Sir George Everest, topografo generale dell'India, e nel 1865 gli fu assegnato il suo nome. Dal 1953, quando Tenzing Norgay ed Edmund Hillary ne violarono ufficialmente per la prima volta la vetta, è stato scalato con successo da quasi 6.000 persone. Kami Rita Sherpa, guida nepalese di 50 anni, ci è salito 24 volte. E più di 300 hanno perso la vita nel tentare l'impresa. Il suo fascino è irresistibile. Tanto che oggi, grazie anche alle bombole d'ossigeno e ai nuovi materiali tecnici, 800 persone all'anno si avventurano verso la cima. Con conseguenze ambientali non indifferenti, come sa chiunque abbia visto foto delle missioni per ripulire dalla spazzatura il gigante himalayano. All'Everest, alla natura e ai popoli di quella regione, è dedicato questo numero. Con uno sguardo preoccupato ai ghiacciai, che di anno in anno perdono terreno, e ad alcuni dei più importanti fiumi del mondo che ne sono sempre più irregolarmente alimentati, mettendo in pericolo le risorse idriche di milioni di persone che ne dipendono per l'alimentazione. Perché il riscaldamento globale non risparmia neanche il tetto del mondo.

- Fotodiario: In quarantena tra i monti. Una testimonianza delle Prealpi bergamasche, dove il coronavirus ha colpito anche le zone più isolate.
- Speciale coronavirus. Perché non eravamo preparati? Per decenni il mondo ha ignorato le previsioni degli esperti sulle pandemie. Il coronavirus cambierà questa tendenza?
- Speciale coronavirus. Mani libere dai virus. I poveri del mondo potranno finalmente disporre dell'acqua pulita di cui hanno bisogno per bere e per lavarsi?
- Il grande mistero. Quasi 100 anni fa due scalatori scomparvero sull'Everest. Furono loro i primi a salire in vetta?
- Emergenza Indo. La sua acqua sostenta 270milioni di persone.
- Una finestra sul meteo. Una squadra di climatologi ha installato sull'Everest la stazione meteo più alta del mondo.
- Fantasmi himalayani. Il leopardo delle nevi è di nuovo visibile. Grazie alla conservazione.
- Come costruirsi un ghiacciaio. Nel Ladakh i contadini si affidano a coni di ghiaccio per sopperire alla mancanza di acqua.
- Sulle tracce dei ghiacciai. Come sono cambiate in un secolo le masse glaciali dell'Himalaya.

Nessun commento:

Posta un commento