giovedì 3 dicembre 2020

National Geographic Italia - dicembre 2020

National Geographic Italia - dicembre 2020

Vol. 46 - N. 6 (n. 275 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: Un faro spento da più di 10 anni nei pressi di Khodovarikha, nell'Artide russa, è il luogo dove il meteorologo Slava Korokti vive in solitudine

In allegato il volume "In cammino per l'Italia con Fondazione Snam"

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): La Siberia dei sogni. "Ufficialmente, non c'è posto al mondo che si chiami Siberia. Nessun ente politico o territoriale ha per nome Siberia". Comincia paradossalmente con queste parole lo splendido Travels in Siberia, una raccolta di racconti di viaggio di Ian Frazier, pubblicata nel 2010. Eppure la Siberia è uno dei luoghi prediletti dell'immaginario, dalle fantasie di viaggio sulla leggendaria ferrovia transiberiana ai capolavori della letteratura russa dell'Ottocento, fino all'avventurosa cavalcata del Michele Strogoff di Jules Verne per allertare i Romanov dell'arrivo dei Tartari. Ma è anche lo scenario da incubo di Arcipelago Gulag, il saggio con cui Aleksandr Solženicyn ha portato alla luce gli orrori dei campi di lavoro forzato sovietici. Grande quanto mezza Africa, questa terra sconfinata è abitata da sparuti insediamenti umani, con una densità di popolazione di tre abitanti per chilometro quadrato. Evgenia Arbugaeva, che da quelle parti ci è nata e cresciuta, è andata a cercare le storie di alcuni di questi pionieri, per raccontarle nel gelo dell'interminabile inverno artico rischiarato dalle luci oniriche delle aurore boreali. Ne è uscito un affresco di vite congelate, di remote solitudini, di tradizioni preservate e di architetture in rovina che racconta meglio di qualsiasi romanzo il sogno artico. Ai sogni, in qualche misura, è dedicato anche un altro servizio di questo numero. Per la precisione, alle ninne nanne che a ogni latitudine portano i bambini nel mondo dei sogni. Un mondo tormentato anche per i più piccoli dalle dolorose avversità che stiamo affrontando. A loro, e a tutti noi, l'augurio che arrivi presto il risveglio da questo incubo.

- Sogno artico. I ricordi dell'infanzia accompagnano il viaggio poetico di Evgenia Arbugaeva, fotografa dell'estremo nord della Russia.
- Siamo figli dei cereali. Sono alla base della nostra alimentazione, ed hanno cambiato il mondo in cui viviamo.
- Morsi letali. Ogni anno i serpenti uccidono decine di migliaia di persone in paesi in cui l'accesso alle cure è difficilie.
- Giganti fragili. Il Grandi Laghi sono una risorsa importante per l'America. Ma oggi sono minacciati.
- Canti di conforto. In ogni paese del mondo, le ninne nanne che si cantano ai bambini per farli addormentare sono finestre aperte sulle speranza, sulle paure ed i sogni che i loro genitori nutrono per il futuro. Un viaggio nelle camere da letto dei più piccoli per indagare le radici di una cultura popolare.
- Explore. Celebrare la vita in tempi bui. La convivialità delle feste viene a mancare proprio quando ne avremmo bisogno. Ma possiamo trovare sprazzi d'amore e di luce.

4 commenti:

  1. Ciao Antonio, io sono abbonato ma il numero di dicembre non mi è ancora arrivato e al telefono non risponde nessuno :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che dirti. Il mio è solo un blog amatoriale, non ho nessun contatto diretto con la redazione di NGI. Oggi è festivo, riprova a telefonare domani (dopo le 9) allo 08.64.25.62.66. Ciao.

      Elimina
    2. No problem, volevo solo sapere se ti era arrivato o meno. Domani riprovo a telefonare, grazie.

      Elimina
    3. Assistenza clienti veramente pessima:

      mi hanno risposto dopo qualche giorno per email (devo invece ancora essere richiamato al tel.), dicendo che la mia copia è stata spedita.
      Peccato che io non avessi dubitato di ciò.

      In questi casi che fare? Sperare che arrivi e basta?
      Rimborso o riscatto copia in edicola niente?

      Elimina