mercoledì 3 marzo 2021

National Geographic Italia - marzo 2021

National Geographic Italia - marzo 2021

Vol. 47 - N. 3 (n. 278 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: Manghi della varietà Kensington pride raccolti a Calatabiano, in provincia di Catania. In un paio di giorni saranno maturi e pronti per il mercato.

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): Chiedetelo al contadino. Tempo fa, durante un incontro pubblico, una persona mi chiese come facessimo a vedere gli effetti del cambiamento climatico. Eravamo all'aperto, così indicando un signore che a pochi passi da noi si stava prendendo cura del suo orto, d'istinto risposi: «Non deve chiederlo a me, deve chiederlo a lui». Fu colto di sorpresa, ma per poco. In ogni parte del mondo, sono stati gli agricoltori i primi a sperimentare l'impatto del rapido innalzamento delle temperature sulle attività umane. E non si tratta soltanto dei danni provocati da eventi estremi come siccità e inondazioni, anzi. Molto più in generale, sottolineano i rapporti delle agenzie internazionali, stanno cambiando gli schemi stagionali delle precipitazioni, il periodo della semina e della raccolta è sempre più anticipato, sta aumentando la presenza di patogeni delle piante, stanno modificandosi la latitudine e la quota delle colture e dei pascoli. A una velocità senza precedenti nella storia della civiltà umana. In queste pagine, accompagnato dagli scatti di Alessandro Gandolfi, il viaggio di Valerio Gualerzi nell'agricoltura italiana ci offre un prezioso quadro del cambiamento in atto. Al Sud è arrivata la frutta tropicale, che tra manghi e avocado ha iniziato ad alterare il tradizionale paesaggio di agrumeti. Al Nord, sempre più a nord, l'ulivo cresce in Valtellina e la vite si arrampica sempre più in alto sui versanti delle montagne trentine. Il cambiamento climatico è qui e ora. Sta modificando i nostri paesaggi rurali. Per chi ancora non lo avesse afferrato, chiedete agli agricoltori.

- La nuova agricoltura italiana. Piantagioni di avocado e manghi al Sud, olivi nel Settentrione, vitigni in montagna a quote sempre più elevate. E poi reti antigrandine ovunque per proteggere i campi dagli eventi meteo estremi. Viaggio nell'agricoltura italiana stravolta dal clima che cambia.
- Innocenti nel braccio della morte. Dal 1972, grazie all'introduzione dell'analisi del DNA e all'azione di gruppi non-profit che hanno chiesto il riesame delle procedure di polizia e magistratura, ben 182 persone condannate a morte negli Stati Uniti sono state riconosciute innocenti e scagionate. Ecco le loro storie.
- Tutto per una linea. Come una modifica a una carta geografica ha portato allo scontro tra Indie e Pakistan sul tetto del mondo.
- Levrieri a fine corsa. Negli USA le gare dei cani sono ormai un retaggio del passato.
- Fotodiario: Le signore dei treni ucraini. Il personale femminile addetto ai caselli ed alla segnaletica garantisce la sicurezza della rete ferroviaria.
- Explore: La teoria dell'aria aperta. Il concetto norvegese di Friluftsliv ci invita a godere della natura, e promette di rendere la pandemia più sopportabile.

Nessun commento:

Posta un commento