domenica 6 giugno 2021

National Geographic Italia - giugno 2021

National Geographic Italia - giugno 2021

Vol. 47 - N. 6 (n. 281 della mia collezione)
Prezzo di copertina: 4,90 euro

In copertina: Decine di barche a vela partecipano alla regata annuale della Barcolana all'ombra del Faro della Vittoria, che commemora i caduti in mare della Prima guerra mondiale. Fotografia di Chiara Gioia.

Editoriale (del direttore Marco Cattaneo): Il paradosso di Trieste. «Giuseppe, vieni! Sono arrivati gli italiani!». È così che ci accolse parecchi decenni fa, ma in dialetto, l'anziana mamma di un conoscente dei miei genitori quando andammo a fargli visita a Trieste. E io, ragazzino, che mai mi ero nemmeno avvicinato ai confini nazionali, sentii all'improvviso di essere precipitato in un viaggio esotico. Più tardi i miei genitori mi spiegarono che Trieste era in Italia, ma non lo era sempre stata, e liquidarono il tutto come una faccenda complicata. E d'altra parte la signora era nata nel principale porto dell'Impero austroungarico. Negli anni, poi, ci sono tornato spesso, a Trieste, che sempre più mi è parsa un adorabile enigma. Vuoi per la sua posizione geografica all'estremità settentrionale dell'Adriatico, vuoi per i rovesci della storia, paradossalmente Trieste è sempre stata al tempo stesso centro e periferia, fulcro nevralgico e remota frontiera. Ed è in grazia di questa singolare condizione che da una parte resta saldamente aggrappata alle sue monumentali architetture asburgiche e dall'altra è proiettata verso il futuro dei suoi centri di ricerca di fama internazionale. Che da una parte ti accoglie in dialetto e dall'altra è un melting pot in perenne trasformazione. Oggi, con il ritrovato interesse per il suo porto, conteso a suon di miliardi di investimenti esteri, il capoluogo giuliano è tornato a essere più centro che periferia. E Robert Draper ci racconta l'ultima metamorfosi della città che fu di James Joyce e di Italo Svevo, ma anche di Franco Basaglia e di Abdus Salam, il Nobel pakistano che vi fondò l'International Centre for Theoretical Physics. Una città schiva che abbraccia il mondo.

- Il richiamo di Trieste. Viaggio nella città di frontiera alla vigilia di un possibile rilancio legato al porto.
- Dalla pietra al bosco. La foresta del Carso a 200 anni da un esemplare progetto di rimboscamento.
- Il massacro di Tulsa. Un secolo fa, nella città dell'Oklahoma, i bianchi attaccarono un quartiere nero, uccidendo centinaia di persone.
- Pantere della florida. Il felino è tornato in Florida, ma resisterà allo sviluppo edilizio?
- Scontro di culture. In Messico lo stile di vita degli apicoltori di etnia Maya è minacciato dalle coltivazioni di soia dei Mennoniti.
- L'ultimo albero. Qual è l'albero più meridionale al mondo? Una squadra lo ha trovato a Capo Horn.
- Fotodiario: Delicate creature marine. Gli straordinari modelli in vetro creati da Leopold e Rudolf Blaschka, due artigiani boemi dell'Ottocento, sono i soggetti di una serie di still life.
- Explore: Una lettera d'amore a Fermi. Liz Kruesi: "Il mio veicolo spaziale preferito? Il telescopio Fermi, che ci permette di vedere un cosmo che i nostri occhi non vedono".

Nessun commento:

Posta un commento